Pinotti: pronti a bombardare in Iraq, se ce lo chiedono

tornado8 set. – Il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, ha espresso la disponibilita’ a offrire gli aerei italiani per i bombardamenti in Iraq contro gli jihadisti dello Stato islamiico, ma ha precisato che per il momento non e’ stato richiesto e il contributo italiano si limita all’invio di armi leggere.

“Se un intervento dei nostri aerei in Iraq dovesse servire per impedire che qualcuno spari su qualcun altro”, ha spiegato durante un’intervista a Palazzo San Giorgio a Genova, “non ho paura di dire che sarebbe un’azione militare e bisognerebbe avere il coraggio di assumere questa decisione.
Ma non e’ questo lo scenario attuale”.

“Non siamo in questa situazione”, ha aggiunto, perche’ “abbiamo deciso di dare le nostre armi a chi si deve difendere” e “non ci e’ stata una richiesta di un nostro intervento militare”. “In questo momento – ha concluso Pinotti – l’Italia non ha scelto di bombardare in Iraq. Se mi trovero’ ad assumere una decisione di questo tipo lo faro’ perche’ sono il ministro della Difesa”.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -