Sanzioni Russia, export di carni: nuova batosta per l’Italia

ObamaRenzi

 

6 sett- Non sappiamo come ha reagito Putin alle minacce fatte da Renzi durante una conversazione telefonica avvenuta alcuni giorni fa ma quel che e’ certo e’ che, mentre i suoi ministri si comportano in modo indegno in Italia, basti pensare alla ministra Madia e alla sacrosanta protesta delle forze dell’ordine, il leader russo ha messo a segno un altro colpo siglando un accordo di cooperazione con la Mongolia.

Uno degli aspetti piu’ importanti di questo accordo e’ la decisione del governo russo di togliere il divieto all’importazione di carne prodotta in Mongolia, divieto che era stato adottato per via di un’epidemia di afta epizootica, ormai risolta.

Ovviamente la Russia pretende dai produttori mongoli il rispetto delle stringenti regole igienico sanitarie previste dalle leggi russe ma Putin ha fatto capire che la Mongolia ha tantissimo da guadagnare visto che per i produttori mongoli si apre la possibilita’ di sostituire quelli dei paesi colpiti dalle sanzione russe (Italia in primis) e di fare affari d’oro. Si tratta di decine di milioni di dollari l’anno.

Ma la cooperazione tra Russia e Mongolia non si limita solo ai prodotti agroalimentari visto che il governo russo e’ pronto a investire per modernizzare la rete ferroviaria mongola allo scopo di agevolare l’esportazione di materie prime mongole e l’interscambio tra Cina e Russia attraverso il territorio mongolo.

E cosi’ grazie a tale accordo la Russia, oltre a garantirsi un nuovo fornitore di prodotti agroalimentari, aumenta ancora di piu’ la sua influenza con buona pace di tutti coloro che stanno lavorando per isolare Putin.

GIUSEPPE DE SANTIS – Londra IL NORD



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -