Aqsa Mahmood: dalla migliore scuola della Scozia al jihadismo “sarò martire”

20 anni e originaria di Glasgow, è la figlia di un facoltoso uomo d’affari, che le ha offerto la migliore istruzione possibile in una prestigiosa scuola privata. Insomma, il profilo di una privilegiata ragazza britannica, con davanti a sé un radioso futuro di successi. Eppure, per le autorità britanniche, è prima di tutto una jihadista. La sua storia sta monopolizzando l’attenzione dei media del Paese, già alle prese con la paura dei terroristi nati e cresciuti in casa, e magari pronti a colpire.

jihadista-scozia

6 sett – Era una ragazza timorosa, remissiva e pacifica che conduceva una vita riservata in Scozia, ora dorme su un pavimento in Siria e prega per diventare una “martire” con lo Stato islamico. Così i genitori hanno descritto Aqsa Mahmood, la 19enne britannica entrata in Siria per unirsi ai militanti sunniti e pronta a sacrificarsi nel nome dell’islam radicale. Il padre Muzaffar e la madre Khalida hanno raccontato in una intervista esclusiva alla Cnn la sua storia.

“Non le piaceva urlare, non so come sia diventata così coraggiosa. Aveva paura di parlare, di volare, e ha fatto questo grande passo”, ha detto la madre, descrivendo la ragazza come attenta ai familiari, affettuosa e rispettosa. Aggiungendo: “Ha fatto un errore, ma altrimenti è una brava ragazza. A volte provo rabbia”.

Poco dopo essere andata in Siria a novembre, Aqsa ha mandato un messaggio alla famiglia annunciando che si sarebbe sposata con un jihadista: “Qui funziona così. Non permettono che una ragazza stia sola. Ora dobbiamo trovare un muharram (tempo sacro, ndr). Dobbiamo sposarci qui. Non preoccupatevi, starò bene. Il mio cuore sta bene”.

In un altro messaggio, racconta il padre Muzaffar, la 19enne ha detto di pregare ogni giorno per diventare una “shahid”, una martire, termine che i militanti utilizzano per indicare chi muore combattendo nel nome del jihad.

Intanto, Aqsa dorme al freddo su un pavimento e si è ammalata di polmonite. I genitori le chiedono di tornare a casa, tentando di convincerla che il gruppo radicale attivo in Siria e Iraq travisa l’islam per compiere violenze.



   

 

 

2 Commenti per “Aqsa Mahmood: dalla migliore scuola della Scozia al jihadismo “sarò martire””

  1. Contenta lei,figurati me !!!

  2. Questo dimostra che usano la religione per infettare le menti dei giovani , sono solo dei banditi altro che martiri !!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -