Italo, crisi di Ntv: a rischio mobilità 300 dipendenti

della-valle-montezemolo

 

2 sett – Non si ferma la crisi di Ntv, Nuovo trasporto viaggiatori. La società del treno ad alta velocità Italo deve ridurre i costi e starebbe pensando di tagliare del 30% il personale. Rischiano così di finire in mobilità trecento dipendenti. Il numero dei passeggeri e il fatturato aumentano ma questo non basta per sanare il bilancio del gruppo fondato, tra gli altri, da Luca Cordero di Montezemolo e Diego Della Valle nel 2006.

Il debito complessivo avrebbe toccato quota 781 milioni di euro. Le perdite, in due anni, sono arrivate a 156 milioni di euro.

Non è solo la concorrenza di Trenitalia e del suo Frecciarossa a creare problemi a Italo. La società sborsa 120 milioni ogni anno per l’utilizzo della rete ad alta velocità. E il governo, con il decreto competitività, ha imposto la fine del regime tariffario agevolato. Tradotto: esborso di 15-20 milioni all’anno in più fin dal 2015.

La sopravvivenza di Ntv, arrivata a contare 6,2 milioni di passeggeri, è in pericolo. E, con essa, è a rischio anche la concorrenza nel campo dell’alta velocità ferroviaria.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -