Islamici di casa nostra, imam di Cinisello “Il califfato è qualcosa a cui dobbiamo aspirare”

«Il califfato è qualcosa a cui noi dobbiamo aspirare“

Al-Santawi

“A me non piace minimamente il sistema democratico in quanto in esso non trovo ne la giustizia e neanche l’uguaglianza”. A parlare è Usama El Santawy, presidente della comunità islamica di Cinisello Balsamo, alle porte di miliano, e uno dei telepredicatori islamici italiani. Dice la sua in una video-intervista rilasciata al Fatto Quotidiano.

Nato a Milano, 29 anni, di origini egiziane, El Santawy sostiene che “i musulmani vengono umiliati (e chi glielo ha chiesto di venire a farsi umiliare qui?) quindi non ci si deve stupire se 50 italiani vanno a combattere nelle file dell’Isis”. “Ci si chiede da dove siano usciti queste cinquanta persone che si vogliono affiliare ai tagliateste. La responsabilità”, spiega a ilfattoquotidiano.it.
“non è di queste persone, che pure avranno le loro colpe, ma delle istituzioni che non tengono conto dell’umiliazione dei musulmani”.

“Onorare i combattenti” – Le persone che partono per combattere regimi sanguinari, continua El Santawi, “sono da onorare, anche se oggi dicendo queste parole sembra di giustificare il terrorismo, invece no, dobbiamo fare dei passi indietro, capire che ci sono persone che soffrono realmente, non solo in Siria”.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -