Migranti, business da 2 milioni al giorno: ecco chi ci guadagna in Italia

legacoop

 

22 agosto – Per alcune realtà gli sbarchi dei migranti sono un business, un modo di guadagnare soldi (tanti soldi) sulla pelle di chi rischia la vita per attraversare il Mediterraneo.

Sta facendo molto discutere l’inchiesta di Alessandra Ziniti pubblicata da Repubblica. E’ un business da quasi 2 milioni al giorno: più ne arrivano più guadagnano. Dalle coop alle aziende vicine a Cl, l’accoglienza è un affare e se aumentano gli ospiti crescono anche i ricavi.

Nel solo 2013 l’Italia ha speso un milione e ottocentomila euro al giorno per garantire l’accoglienza ai 40.244 migranti sbarcati sulle nostre coste.

Ancora numeri: 45 euro al giorno è la spesa media per ogni immigrato che mette piede in uno dei 27 tra centri di accoglienza, centri di identificazione ed espulsione e centri per richiedenti asilo. E per i minori la cifra aumenta.

Ci sono veri e propri “colossi” del business dell’accoglienza: a partire dalla Legacoop fino alle imprese di Comunione e Liberazione, e poi le aziende vicine alla Lega e le multinazionali.

Le gare bandite dal Viminale, in genere, vengono aggiudicate con un ribasso medio del 30 per cento sulla base d’asta. Peccato che, in ogni centro, si tengano stipati per mesi almeno il doppio o il triplo degli ospiti. A danno delle condizioni di vivibilità di questi centri, da molti definiti lager, ma a tutto vantaggio delle tasche dei gestori.

“La ragione per cui questo avviene è che in Italia molti servizi per l’immigrazione vengono affidati sulla base di un solo principio: quello dell’offerta economica più vantaggiosa. C’è un business dell’immigrazione inaccettabile, parliamo di commesse da milioni di euro su cui molti si stanno arricchendo, dove i diritti delle persone scompaiono”, denuncia Christopher Hein, direttore del Consiglio italiano per i rifugiati.

In pratica trattenere gli ospiti molto più a lungo del previsto è uno dei “trucchi” utilizzati dai gestori

today.it



   

 

 

1 Commento per “Migranti, business da 2 milioni al giorno: ecco chi ci guadagna in Italia”

  1. Pellerey Mario

    allora parto da un altro punto, Mickail Bakunin scrisse “la persona onesta non fa ne il prete ne il poliziotto” dunque io sapevo che parte dei 47/50 euro giornalieri gran parte erano destinati al “tutori dell’ordine” eufemismo per non creare grane al giornale, ora ci mancava solo CL di formigoniana memoria…..no pasaran……

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -