Ebola, Congo: 13 morti in 10 giorni

 

 

22 AGO – Tredici persone sono morte per una febbre emorragica “di origine non determinata” dall’11 agosto nel nordest della Repubblica democratica del Congo, dove il virus ebola fu scoperto nel 1976. Lo rende noto il ministro della sanità congolese Felix Kabange Numbi. Circa 80 persone che hanno avuto contatto coi pazienti deceduti vengono attualmente monitorate. Salirebbero così a 5 i paesi africani attualmente interessati dall’epidemia.

Le persone decedute avevano sviluppato febbre, diarrea, vomito e in fase terminale vomito di materia nerastra», spiega il dottor Numbi.
Finora, la malattia infettiva Ebola, secondo l’agenzia della salute delle Nazioni Unite, ha ucciso 1.350 persone tra 2.473 casi in quattro paesi: Guinea, Liberia, Nigeria e Sierra Leone. Se anche la Repubblica democratica del Congo dovesse confermare la natura virale di un diverso tipo di Ebola il bilancio potrebbe dunque aggravarsi.

La provincia attualmente monitorata nel paese è quella dell’Ecuador, le località di Boende Moke, Lokolia, Watsikengo e Lokula.
La sorveglianza durerà per 21 giorni, mentre entro una settimana si avranno i risultati degli esami effettuati sul virus per stabilirne l’origine.

Fa tirare un sospiro di sollievo, intanto, la notizia della guarigione di Kent Brantly e dalla volontaria Nancy Writebol, sottoposti a cure sperimentali negli Stati Uniti.
Le diverse terapie ora in fase di studio rappresentano una concreta speranza anche per Stati, come la Liberia, sull’orlo di una guerra civile per la quarantena imposta. euronews

ebola



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -