Ebola, Liberia: bimba di 12 anni muore da sola, di fame e di sete

 

ebola213 agosto – BALLAJAH (LIBERIA) – Gli unici suoni del villaggio liberiano abbandonato erano le grida di una bambina, rinchiusa con il corpo della madre all’interno della casa di famiglia, che soffriva di fame e sete mentre aspettava la morte.

Alla fine anche la voce della ragazza –  Fatu Sherrif, 12 anni – tacque, anche lei ha uccisa dal virus Ebola  che sta devastando il suo paese e altre parti dell’Africa occidentale.

Quando AFP ha visitato il villaggio di Ballajah Domenica, Fatu era rimasta rinchiusa con il corpo della madre per una settimana, dopo che la maggior parte dei residenti erano fuggiti nella foresta per sfuggire al focolaio del virus.

Alcuni abitanti rimasti, tra cui Momoh Wile, un capo locale settantenne, hanno raccontato ad AFP la storia straziante di Fatu.

Ballajah, a circa 150 chilometri (90 miglia) dalla capitale liberiana Monrovia, è al centro di una delle zone di quarantena stabilite nel paese in un disperato tentativo di contenere la diffusione della malattia.

L’Ebola è stata individuata nella famiglia di Fatu il 20 luglio quando si ammalò il padre Abdulah, ha raccontato Wile a AFP. La diagnosi ha scatenato il panico tra le circa 500 persone che vivevano nel villaggio, le quali  hanno chiamato le autorità sanitarie, ma quando una squadra è finalmente arrivata, Abdulah, 51 anni, era morto da cinque giorni.

Sua moglie, Seidia Passawee Sherrif, 43 anni, e la piccola Fatu erano già malate. Solo il loro figlio, Barnie, 15 anni, è risultato negativo per l’Ebola. Gli operatori sanitari hanno preso il corpo di Abdulah e, secondo Wile, hanno detto gli abitanti del villaggio “non andare vicino alla donna e a sua figlia”.

“Loro piangevano tutto il giorno e tutta la notte, implorando i loro vicini di dare loro del cibo, ma tutti avevano paura.” La madre di Fatu alla fine è morta il 10 agosto, ma le grida della ragazza potrebbe ancora essere sentite intorno al villaggio  abbandonato.

Le porte e le finestre della casa erano state sigillate e non c’era modo di vedere all’interno. Raggiunto da AFP Martedì, Wile detto che Fatu era morta durante la notte, sola, senza acqua e senza cibo.

L’unico membro superstite della famiglia, il fratello di Fatu , Barnie di 15 anni, è risultato negativo per il virus, ma viene ancora evitato dai suoi compaesani. AFP ha trovato Barnie domenica, rifugiato in una delle case abbandonate. Affamato, stanco e smunto, vestito con una t-shirt sporca e sandali consumati, Barnie singhiozzava mentre raccontava la sua storia.

“E ‘qui che dormo. È qui che rimango tutto il giorno. Nessuno vuole venire vicino a me, eppure sanno  che non ho l’Ebola,” ha detto. “Quando ho fame, vado nella boscaglia per cercare qualcosa da mangiare” . “Questo è ciò che Dio ha voluto, così lo accetto.”

Le autorità sanitarie in Liberia – dove il presidente Ellen Johnson Sirleaf ha dichiarato lo stato di emergenza il 6 agosto – hanno rifiutato di commentare il caso.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -