Se sei un ex brigatista puoi salire in cattedra e rilasciare autografi. Nessuno strepita

DUE PESI E DUE IPOCRISIE – SE SCHETTINO VA A CONCIONARE DI GESTIONE DEL PANICO FUORI DALLA “SAPIENZA” SUCCEDE IL FINIMONDO (La bufala di Schettino che fa lezione alla Sapienza). SE L’EX BRIGATISTA RENATO CURCIO SALE IN CATTEDRA AD UNA FESTA VICINO PISTOIA PER PARLARE DI LAVORO, TUTTI TACCIONO

CURCIO

Giovanni Masini per “il Giornale

11 agosto – Il nome, “Festa rossa“, è tutto un programma. Già, perché alla festa organizzata a Lari, frazione del comune di Casciana Terme nel Pistoiese, dall’ associazione politico-culturale “La Rossa” è rosso fuoco proprio tutto, a cominciare dagli ospiti.

Uno su tutti, l’ex brigatista rosso Renato Curcio. All’interno della settimana di iniziative, dibattiti e tavole rotonde in programma dall’8 al 15 agosto, fa discutere l’invito al fondatore delle Br, chiamato ieri sera a parlare di lavoro e a presentare il suo libro “Il pane la morte”. Come racconta La Nazione, il sindaco di Casciana Terme, il democratico Mirko Terreni, ha voluto prendere le distanze dall’iniziativa.

“Si tratta di festa fatta da una parte politica ben chiara e definita, e ognuno sceglie da chi farsi rappresentare – dice – Io sono un esponente del Pd e ad una nostra festa non ci sarebbe posto per Renato Curcio: abbiamo una sensibilità politica che non coincide con la sua figura”.

A rintuzzare la polemica è arrivato però il presidente dell’associazione “La Rossa”, Paolo Papucci, che ha parlato di “polveroni facili”: “La nostra festa propone argomenti forti, punta a stimolare dibattiti, discussione, confronto – ha spiegato — Non c’interessano le polemiche, non vogliamo fare clamore”. A dargli manforte è arrivato anche Federico Giusti di Cobas, che ha sottolineato come Curcio si occupi ormai di lavoro da più di dieci anni e sia qualificato come “altamente competente” in materia.

“Non avrei mai invitato Curcio ad un iniziativa dei Democratici – taglia però corto il sindaco Terreni – Ancora meno per un’iniziativa anche di tipo culturale del nostro Comune. Non voglio giudicare comunque gli organizzatori della Festa Rossa di Lari:sono grandi e navigati abbastanza per sapere e capire cos’hanno fatto”.

In tutto questo lui, Renato Curcio, ha potuto fare il suo intervento “con calma e disinvolto”, come racconta La Nazione, presentando il suo libro-inchiesta sul polo industriale brindisino, sui veleni emessi dalle fabbriche e sulle troppe morti bianche. Tranquillamente, firmando autografi e stringendo mani alle persone accorse per salutarlo.



   

 

 

1 Commento per “Se sei un ex brigatista puoi salire in cattedra e rilasciare autografi. Nessuno strepita”

  1. Non è mica è il primo Brigatista che mettono sul podio, in Italia gli eroi della patria non sono i cittadini onesti ma i terroristi che hanno versato sangue innocente. C’ è una maggioranza del popolo italiano che è composta o di addormentati o di mentalmente degenerati.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -