Ufficio complicazioni affari semplici: la nuova elezione del Senato è un delirio

senato-grasso7 ago. – Disco verde del Senato alla applicazione della legge per la prima costituzione del Senato. Ogni consigliere potra’ votare per una sola lista di consiglieri e sindaci e i seggi vengono ripartiti fra liste secondo il metodo proporzionale. All’interno di ciascuna lista sono attribuiti a seconda dell’ordine di presentazione dei candidati. La lista che ha avuto piu’ voti puo’ optare per l’elezione di un consigliere o di un sindaco.

Al fine dell’assegnazione dei seggi a ciascuna lista di candidati si divide il numero dei voti espressi per il numero dei seggi attribuiti e si ottiene il quoziente elettorale, viene stabilito nel testo che vara le norme transitorie.
Si divide poi per tale quoziente il numero dei voti espressi in favore di ciascuna lista di candidati.

I seggi sono assegnati a ciascuna lista di candidati in numero pari ai quozienti interi ottenuti, secondo l’ordine di presentazione nella lista dei candidati medesimi e i seggi residui sono assegnati alle liste che hanno conseguito i maggiori resti; a parita’ di resti, il seggio e’ assegnato alla lista che non ha ottenuto seggi o, in mancanza, a quella che ha ottenuto il numero minore di seggi. Per la lista che ha ottenuto il maggior numero di voti, puo’ essere esercitata l’opzione per l’elezione del sindaco o, in alternativa, di un consigliere, nell’ambito dei seggi spettanti. In caso di cessazione di un senatore dalla carica di consigliere o di sindaco, e’ proclamato eletto rispettivamente il consigliere o sindaco primo tra i non eletti della stessa lista. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -