GB: il vicepremier Clegg vuole limitare anche l’immigrazione “europea”

Nick-Clegg4 agosto – L’immigrazione nel Regno Unito dai paesi membri all’Unione europea dovrebbe essere limitata: è quanto sosterrà oggi il vicepremier britannico, Nick Clegg, in un discorso che ha l’obiettivo di lanciare un dibattito cruciale sul controllo dell’immigrazione nel paese a nove mesi dalle elezioni generali.

Secondo una copia del discorso ottenuta dall’Afp, il leader dei liberal-democratici proporrà un rafforzamento dell’attuale sistema europeo di integrazione. Al momento, i nuovi membri dell’Ue devono attendere fino a sette anni prima che i loro cittadini possano acquisire il diritto di vivere e lavorare stabilmente in altri paesi dell’Unione. Clegg sosterrà l’esigenza di un prolungamento di questo periodo di attesa a causa delle differenze economiche tra i diversi Stati.

Cameron: stretta contro l’immigrazione e stop benefici “in cambio di nulla”

Per il vicepremier britannico, paesi come il Regno Unito dovrebbero avere il diritto di porre un limite agli ingressi a fronte di un flusso di migranti ritenuto insostenibile. “E’ normale – e lo dico come filoeuropeo – che si riformi la libertà di movimento. Non si tratta di chiudere la porta, ma di stabilire il flusso di persone che entrano nel Regno Unito in maniera prudente e onesta”, è l’opinione di Clegg.

“E’ interesse di tutti coloro che vivono qui – che siano nativi del Regno Unito oppure no – essere sicuri che assieme a un nuovo membro dell’Ue non ci siano sorprese o preoccupazioni”, secondo il leader liberal-democratico. tmnews



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -