Facebook: Immigrati, viaggi clandestini organizzati su pagina dedicata ai rifugiati

rifug2 ago. – I viaggi dei migranti attraverso il Mediterraneo si organizzano anche su Facebook. E’ quanto hanno scoperto gli agenti della Questura di Ragusa che oggi hanno arrestato sette scafisti egiziani responsabili di aver condotto in Italia un’imbarcazione con 295 persone, 100 dei quali minori, molti neonati. I sette sono ritenuti responsabili di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Gli stranieri fatti entrare nel nostro Paese erano di origini siriane, egiziane e del centro Africa. Sino ad oggi, nel solo 2014 sono 87 gli scafisti arrestati dalla Polizia di Stato.

“Seppi del viaggio per Italia su Facebook”

“Tramite facebook, e precisamente su di una pagina dedicata ai rifugiati siriani nel mondo, venivo a conoscenza della possibilita’ di raggiungere l’Europa, illegalmente“. E’ quanto testimonia uno dei migranti fatti entrare in Italia dai sette scafisti arrestati. “Pertanto – racconta – tramite il social network, chiesi un numero di telefono per contatti che mi furono forniti… Il 12 luglio chiamai al numero detto e qui, la persona che rispose e a cui chiesi le modalita’ per la traversata, mi riferi’ che occorrevano 2.700 dollari Usa a persona e che i bimbi erano compresi nel prezzo. Lo stesso riferiva inoltre che c’era da attendere stante i pressanti controlli da parte della polizia egiziana pertanto sarebbe stata sua cura richiamarmi”.



   

 

 

1 Commento per “Facebook: Immigrati, viaggi clandestini organizzati su pagina dedicata ai rifugiati”

  1. bene,sappimao chi organizza,quindi devono loro pagare il soggiorno,vito e aloggio etutti gli oneri,compresi tassa di soggiorno. denunciare immediatamente alla guardia di finanza e alle agenzie preposte nonchè alla procura generale.chiedere le indagini immediate e i responsabili sputtino fuori tutti i milioni a noi rubati pe rospitare i desertori parassiti.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -