Aspen institute: gli indignados non hanno conoscenze e cultura per rovesciare il sistema

30 luglio (WSI) – Secondo gli illuminati ed elite del mondo “rivolte come queste non devono fare paura”. Uno studio pubblicato di recente fornisce lo sguardo dei padroni del mondo nel trattare le rivolte degli ultimi anni, come se fossimo giunti alla fine di un’epoca fondata sui diritti, scrive il giornale  Contropiano (“Per fortuna sono proteste senza progetto”. Parola di Aspen), citando l’ultima ricerca dell’Aspen institute, organizzazione che orienta la leadership mondiale.

parlamento-pulito

Lo studio porta la firma dell’intellettuale bulgaro Ivan Krastev, 50enne presidente del ‘Centro di strategie liberali’ di Sofia e molto critico nei confronti del populismo montante in Europa (“La gente sta diventando apertamente anti liberale mentre le elite stanno diventando segretamente anti democratiche”, ha scritto in un’analisi sul tema).

È un esponente della nuova classe dirigente dell’Est europeo e uno dei più grandi intellettuali dell’ultimo decennio, secondo le classifiche di Foreign Policy (2008). Krastev ha analizzato i movimenti di rivolta come da un osservatorio satellitare, “disinteressandosi dei dettagli”, secondo il giornalista Davide Barontini che offre un resoconto approfondito dello studio.

“Le proteste differivano – scrive – ma gli slogan erano incredibilmente simili: ai quattro angoli del globo i manifestanti si scagliavano contro la corruzione delle élite, le crescenti diseguaglianze economiche, la mancanza di solidarietà e di giustizia sociale e il disprezzo per la dignità umana”.

Ma aggiunge: “I manifestanti, a differenza dei loro padri rivoluzionari, non mirano a un rovesciamento violento dell’ordine costituito”. La nuova generazione degli indignados – di Grecia e Spagna, Italia e Ucraina, Brasile e Portogallo – non ci pensa proprio a “cambiare il sistema”.

“Non possiede le conoscenze di base, le categorie, la cultura per poter pensare che questo “sistema” sia rovesciabile; non è insomma in grado di immaginare un altro realistico modo di vivere”. Soprattutto, aggiunge Barontini su Contropiano, “è ai margini del pensiero politico, non dentro”.

Trilaterale, Bruegel, Aspen: i “poteri veri” scelgono chi comanda in Italia

Aspen Institute Italia riceve finanziamenti da società pubbliche italiane

[box] “Si tratta di una rivoluzione senza ideologia e senza scopi definiti: in mancanza di alternative politiche, si risolve in uno scoppio di indignazione morale”. Una febbre passeggera – anche se se ne può morire o marcire in galera – che non spaventa affatto il potere[/box]

All’estero l’Aspen annovera tra le sue file Rockefeller, il finanziere e miliardario ungherese George Soros, gli ex segretari di Stato Usa Madeleine Albright, Condy Rice e Henry Kissinger. In Italia, solo per citarne alcuni, Giulio Tremonti e Mario Monti, e tra i grandi sponsor aziendali Generali, Fincantieri, Confindustria, Rai, Mediaset, Pirelli, Enel, Fiat e BNL.



   

 

 

1 Commento per “Aspen institute: gli indignados non hanno conoscenze e cultura per rovesciare il sistema”

  1. Attenzione però…le acque chete smuovono i ponti…e li poi saran dolori!!!!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -