Addio petrodollari, la Russia continua ad accumulare riserve auree

Guerra valutaria: Addio petrodollari. Le tensioni da Guerra Fredda spingono Mosca a correre ai ripari

oro30 luglio – (WSI) – La Russia e le sue banche continuano ad accumulare riserve auree. I lingotti detenuti erano pari a 1.094,8 tonnellate in giugno, per un rialzo mensile di 18,6 tonnellate.

La crisi in Ucraina e il raffreddarsi dei rapporti con l’Occidente hanno spinto Mosca a correre al riparo.

Parlando in termini di once, l’oro detenuto da Mosca è cresciuto di 500 mila once a 35,197 milioni di once in giugno, dalle 34,656 milioni di once di maggio. La Russia diventa così il quinto maggiore detentore di oro al mondo dietro a Usa, Germania, Italia e Francia.

La Cina, che è anche il paese con il più alto numero di risparmiatori che comprano oro, non ha comunicato i dati dal 2009 e pertanto le 22,89 milioni di once, ossia 1.054,1 tonnellate rimangono cifre irrealistiche.

Cinque anni dopo è probabile che le riserve auree siano più alte di appena l’1% delle riserve in moneta straniera. Indicativamente si può stimare che siano cresciute di due, tre volte.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -