Indagine su inquinamento mare, sequestrato cantiere navale

Condividi

 

delcarlo29 lug 2014 – Nel pomeriggio sono scattati i sigilli per il cantiere navale ‘Del Carlo’ nel porto di Viareggio. I militari della Guardia Costiera hanno dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo emesso dal Gip del Tribunale di Lucca Riccardo Nerucci a seguito della richiesta del Pm Lucia Rugani. Il magistrato ha coordinato l’attivita’ d’indagine degli uomini della Guardia costiera che, da qualche mese, avevano messo sotto la lente d’ingrandimento alcune attivita’ di lavorazione fatte dal cantiere. I militari avevano, infatti, verificato, si legge in una nota, che alcuni lavori non venivano eseguiti nel rispetto di tutte le norme ambientali.

In particolare dalle immagini, afferma la Guardia Costiera, e’ emerso ”il massiccio, prolungato ed illecito rilascio in mare, senza alcuna precauzione, di sostanze qualificabili come rifiuti pericolosi e derivanti dalle attivita’ di lavaggio, sverniciatura e pitturazione svolte su unita’ affidate al cantiere”.

Da qui anche la richiesta all’Arpat di eseguire approfondite analisi al fine di verificare quali sostanze fossero presenti in acqua e nei fondali prospicienti al cantiere e le analisi hanno rivelato che i valori di alcune sostanze erano superiori ai limiti consentiti. In particolare nei sedimenti marini, conclude la nota, sono state trovate alte concentrazioni di rame, zinco, piombo, stagno, arsenico e mercurio.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -