Un’istantanea sulla situazione in atto nella Striscia di Gaza

gaza28 luglio – ImolaOggi fa una istantanea sulla situazione in atto nella Striscia di Gaza. Nonostante Il bilancio del conflitto arabo-israeliano sia catastrofico, i terroristi di Hamas non hanno alcuna intenzione di fermare il lancio di razzi. Da ogni parte sono arrivati inviti a cessare il fuoco e proposte di dialogo. Il problema è che nel vocabolario islamico, della parola DIALOGO non v’è traccia….

Questo il bilancio totale ad oggi: oltre 1.200 persone morte. Tra queste figurano: 218 bambini, 87 donne, 48 anziani, 696 civili. Dei 6 mila feriti, 1.854 sono bambini. Il resto è diviso tra 2.654 maschi, 1187 donne e 305 anziani.

Gli edifici colpiti sono 22.600, 1.960 le case distrutte completamente e 1.980 quelle rese inabitabili. La situazione sanitaria è al collasso. Mancano: medici, infermieri, attrezzature chirurgiche, medicinali, sangue, e strutture dove curare i feriti. Altra emergenza è quella di identificare e seppellire i morti che ancora giacciono sia nelle strade che sotto le macerie al fine di evitare il rischio di epidemie. Nonostante questa situazione, i terroristi di Hamas non intendono capire che è urgente un definitivo cessate il fuoco.

E c’è troppa gente, che accusando Israele non fa altro che incoraggiare i terroristi e alimentare il conflitto .



   

 

 

2 Commenti per “Un’istantanea sulla situazione in atto nella Striscia di Gaza”

  1. Chi sono i terroristi? Chi sono gli aggressori? Chi uccide civili inermi in nome di un presunto diritto all’autodifesa? Chi sostiene una politica di apartheid? Chi monopolizza le risorse idriche? Chi manifesta il proprio essere popolo eletto? Chi ha investito 1 mld di dollari per il sistema Iron dome rendendo pressoché impenetrabile Israele? Chi? Povera Patria mia…

  2. “Perchè QUALCUNO tra Noi ama i palestinesi nonostante i loro attentati terroristici in Italia?”

    E la domanda andrebbe anzitutto rivolta agli intellettuali e ai capi dei movimenti di “sinistra” . La loro sperticata propensione verso i palestinesi, e più in generale verso gli islamisti, è evidente da anni.
    Ai palestinesi dobbiamo:
    -Le due stragi dovute ai due attentati all’aeroporto di Fiumicino (1972 -1985, quest’ultimo in contemporanea della strage all’aeroporto di Vienna) hanno ucciso quarantacinque italiani.
    -L’attentato alla Sinagoga di Roma, 1982. Terroristi palestinesi hanno aperto il fuoco sulle persone che uscivano dalla Sinagoga dopo la funzione del sabato, e quelle persone erano cittadini italiani. Un bambino di due anni è stato ucciso, tra i feriti suo fratello.
    -Il sequestro dell’Achille Lauro e l’assassinio di un passeggero, ebreo americano, ebreo, non israeliano.
    -All’eroico popolo palestinese, ai suoi estimatori, ai suoi sostenitori dobbiamo la strage della stazione di Bologna???
    Noi non abbiamo fatto alcun male al gruppo di islamici che oggi viene designato come popolo palestinese ma questo non gli ha impedito di attaccarci.
    Ci sono italiani che con il loro comportamento e le loro idee stanno distruggendo il nostro paese, sono dei traditori è come tale andrebbero trattati invece di lasciarli condurre il nostro paese.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -