Il papa chiede perdono ai pentecostali per le leggi razziali italiane

papa28 lug. – Papa Francesco ha chiesto pubblicamente perdono ai pentecostali per le leggi razziali italiane che li discriminavano. “Queste leggi, questa gente li’ che voleva la purezza della razza erano cristiani, sono leggi sancite dai battezzati. Vi chiedo perdono per questo”, ha detto a braccio nel discorso rivolto ai fedeli e agli ospiti del pastore Traettino a Caserta.

“Qualcuno si stupisce che il Papa sia venuto a trovare gli evangelici. Sono venuto a trovare i fratelli” ha detto il Pontefice nel discorso a braccio rivolto ai fedeli della Chiesa pentecostale di Caserta. Per il Papa, ha spiegato lui stesso, e’ “una tentazione dire: io sono la Chiesa tu sei la setta. Gesu’ ha pregato per l’unita’. Lo Spirito Santo fa la diversita’ nella Chiesa. Lui fa la diversita’. Ma poi lo stesso Spirito Santo fa l’unita’ e la Chiesa e’ una nella diversita’. Una diversita’ riconciliata per lo Spirito Santo”. – Bergoglio ha molto insistito “sul comandamento che Gesu’ ha dato al suo popolo: essi siano una cosa sola”.

“Il popolo ha camminato con la pazienza, in presenza di Dio. Ma anche noi – ha denunciato – in certi momenti camminiamo non in presenza di Dio”. “E’ la presenza di Dio che ci da’ questa fratellanza. Ci fermiamo, ci guardiamo l’uno con l’altro. E vediamo che ci si assomiglia abbastanza”. Il Papa ha esortato poi anche i pentecostali a rispettare “la diversita’ dei carismi e l’armonia dei carismi. Lo Spirito Santo – ha ripetuto – e’ l’armonia che fa questa diversita'”. Francesco ha tenuto a distinguere dunque l’unita’ che chiede Gesu’ dalla “globalizzazione che sarebbe l’unita’ di tutti uguali, mentre lo Spirito Santo non fa l’uniformita'”. “Pensiamo – ha suggerito – al poliedro: ognuno dei lati ha la sua peculiarita’. E’ in questo cammino che iniziamo il dialogo perche’ questa diversita’ sia armonizzata. Cerchiamo di camminare nella presenza di Dio. Cerchiamo insieme il pasto di cui abbiamo bisogno”. “Quella della divisione dei cristiani e’ una storia triste. La prima eresia e’ stata questa: non credere che l’incarnazione del Verbo e’ alla base, perche’ Gesu’ e’ vero Dio e vero uomo, Dio che si e’ fatto carne. Non si capisce l’amore al fratello, alla vedova, al carcerato se non riconosciamo che sono la carne di Cristo”. (AGI) .

Messaggio del papa ai pentacostali . febbraio 2014 per approfondire

 

Condividi l'articolo

 



   

1 Commento per “Il papa chiede perdono ai pentecostali per le leggi razziali italiane”

  1. …. desidero sapere di che cosa dobbiamo chiedere scusa ai Pentecostali. Chiedere scusa per i Cattolici ormai è prassi… sapere almeno per che cosa !!!!!
    Su che cosa si deve dialogare con i Protestanti ? So che loro non riconoscono il Sacramento della S.Eucarestia……..ma è il fondamento della vita del Cattolico , percio’ io credo che al massimo si puo’ continuare, nel reciproco rispetto a parlare del tempo ………….

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -