Jihadisti tagliano l’acqua per cacciare i cristiani dall’Iraq

23 luglio – Tagliare l’acqua per costringere i cristiani a lasciare l’Iraq. Questa la strategia adottata dai jihadisti dello Stato islamico contro i cristiani che hanno trovato uno dei loro ultimi rifugi sicuri a Qaraqosh, storica città cristiana di 50.000 abitanti situata 32 chilometri a sud-est di Mosul, protetta oggi dai combattenti curdi, i peshmerga.

Cristiani in fuga

Cristiani in fuga

Dal 10 giugno scorso, quando hanno conquistato Mosul, i jihadisti dell’auto-proclamato Califfato Islamico hanno cominciato a fare pressioni su Qaraqosh e sui villaggi vicini bloccando le tubature che collegano le comunità presenti nel nord dell’Iraq al fiume Tigri. In assenza di un numero sufficiente di pozzi profondi capaci di sopperire alla carenza, le autorità locali sono state costrette a far arrivare l’acqua dal Kurdistan, a caro prezzo. Nè va meglio sul fronte del carburante, il cui prezzo è lievitato dopo la conquista delle principali raffinerie da parte dei jihadisti.

Come racconta oggi l’agenzia di stampa Bloomberg, davanti a una delle 12 chiese di Qaraqosh, le persone fanno la fila dalle 6 del mattino fino alla mezzanotte per avere la loro porzione d’acqua quotidiana, al costo di circa 10 dollari. “La nostra vita ruota intorno all’acqua”, ha raccontato Laith, 28 anni, insegnante. Nonostante gli aiuti garantiti da diverse agenzie umanitarie, le riserve sono limitate, a malapena sufficienti per famiglie numerose in una zona dove le temperature raggiungono i 38 gradi e più. tiscali

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -