Riforme, la saga continua: Il M5S presenta 6 punti, “Renzi risponda”

m5s21 luglio – “Fate presto. Le riforme, come voi dite da sempre, non possono piu’ aspettare”. In un post sul blog di Beppe Grillo, il Movimento Cinque Stelle chiede un dialogo sulle riforme, in particolare sulla legge elettorale e illustra sei punti ai quali chiedono una risposta in tempi brevi.
Quindi, onde evitare ulteriori perdite di tempo e spettacoli inconcludenti come l’ultimo streaming (Conclusa la soap opera Pd-M5S sulle riforme, nulla di fatto), ora e’ necessario che Renzi e il Pd rispondano per iscritto ai 6 punti del MoVimento 5 stelle“.

Riforma elettorale, la saga M5S continua: decideranno gli iscritti

Il primo punto riguarda la questione del doppio turno: “In questo quadro si comprende come il doppio turno, in se’ manipolatorio della volonta’ dell’elettorato (in quanto affida a quanti avevano votato per partiti diversi dai due in lizza, il giudizio sul vincitore), diventa un ulteriore elemento distorsivo, che aggrava la situazione”. Il doppio turno insomma “puo’ essere accettabile per elezioni amministrative ma non per elezioni politiche, dove il principio di rappresentativita’ deve essere ben piu’ rigido per le ben diverse attribuzioni di potere dell’organo eletto”.

Il secondo punto riguarda la proposta attuale: “Il M5s e’ disponibile ad accettare un premio di maggioranza in quota fissa (il 15% pari a 94-95 seggi) oppure un premio finale che assicuri la maggioranza assoluta al vincitore, ma a condizione che si stabilisca una soglia minima per poterlo ottenere (cioe’ che il partito vincente abbia ottenuto almeno il 35% dei voti al primo turno)”.

Il terzo punto e’ invece relativo all’entita’ del premio e alle garanzie costituzionali (strettamente in relazione all’entita’ del premio sono anche tre questioni molto delicate: la maggioranza qualificata con la quale si puo’ modificare la Costituzione senza referendum popolare, l’elezione del Presidente della Repubblica e dei giudici costituzionali). “La maggioranza, senza molto sforzo potrebbe appropriarsi dei 5 giudici costituzionali di nomina parlamentare, poi del Presidente della Repubblica che, a sua volta, potrebbe nominare 5 giudici dello stesso indirizzo e, con questo, produrre una maggioranza precostituita anche nella Corte” si legge nel blog e “per evitare questo rischio occorre “mettere in sicurezza la Costituzione”: quindi, “il premio di maggioranza e’ accettabile solo se accompagnato a diversi meccanismi di garanzia costituzionale come rivedere la titolarita’ del potere di elezione dei giudici costituzionali o le maggioranze richieste, altrettanto per il Presidente della repubblica e per il processo di revisione costituzionale”.

Il quarto punto chiama in causa le preferenze: sin dalla sua fondazione il M5s ritiene qualificante il ritorno all’elezione dei deputati attraverso il metodo delle preferenze che e’ ritenuto qualificante anche dalla sentenza della Corte Costituzionale. “Si e’ fatta presente l’esigenza di evitare la degenerazione del voto di preferenza in senso clientelare (anche se, per la verita’, questo metodo resta in vigore per il Parlamento Europeo, per i comuni e per gran parte delle Regioni) ed il M5s si e’ fatto carico di tale preoccupazione indicando un possibile rimedio nel sistema del voto disgiunto fra voto di lista e voto di preferenza”.

Il quinto posto e’ quello sulle coalizioni e clausole di sbarramento: “Il M5s ha segnalato l’opportunita’ di assegnare l’eventuale premio di maggioranza al singolo partito e non alle coalizioni, che spingono a grandi ammucchiate prive di sostanziale unita’ politica che, dopo il voto, si sciolgono rapidamente. Ma perche’ questa misura sia efficace, occorre completarlo eliminando le soglie di sbarramento o, ridurle a valori minimi (l’1%) perche’ diversamente, quello che e’ uscito dalla porta rientrerebbe dalla finestra: i piccoli partiti a rischio quoziente si vedrebbero costretti ad entrare nelle liste di quelli piu’ grandi, sacrificando la loro visibilita’ alla certezza di rientrare in Parlamento. Ed, in questo modo, sarebbero le liste di partito a diventare, di fatto, coalizioni. Abolire le clausole di sbarramento significa assicurare a tutti la possibilita’ di accedere alla rappresentanza senza sacrificare la propria visibilita’, scongiurando, quindi, la formazione di liste omnibus”.

Il sesto punto e’ relativo alle soglie di sbarramento ed effetto di sommatoria: “C’e’ poi un secondo aspetto da considerare, le soglie di sbarramento diventano un modo surrettizio per accrescere il premio di maggioranza, infatti, anche fissando al 2% la soglia, se ci fossero 7-8 partiti che ottenessero in media l’1,5%, questo vorrebbe dire che ci sarebbe un 10-12% di seggi non assegnati che andrebbe ai partiti maggiori ed, in primo luogo, al partito vincitore, il cui bottino elettorale si accrescerebbe di un buon 5-6% avvicinandosi pericolosamente alla sogli per la revisione costituzionale. Per di piu’ lo sbarramento non avrebbe alcun effetto ai fini della governabilita’, in presenza di un sistema che gia’ garantisce una maggioranza di governo. Ed, infine, questo aumenterebbe la disrappresentativita’ del sistema che piu’ facilmente andrebbe incontro ad una bocciatura da parte della Corte”.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -