Salerno, nave Etna: militari aggrediti da clandestini. Molti casi di scabbia a bordo

etna

 

Salerno, 19 lug. – E’ attraccata alle 8,36 al molo Trapezio del porto commerciale di Salerno, la nave Etna della Marina Militare italiana che trasporta 2186 migranti eritrei, somali siriani e afgani. I primi a scendere dalla nave sono stati 6 profughi accompagnati al posto di polizia per essere identificati e poi alla caserma Pisacane di Salerno, perche’ hanno creato problemi a bordo aggredendo verbalmente personale militare. Sono 40 profughi con sospetta scabbia, 3 i diabetici, 14 le donne incinte e altre tre persone mostrano problemi di salute.

A bordo della nave ci sono anche 500 marocchini che verrano rimpatriati. Sono in corso le operazioni di identificazione e accoglienza presso un capannone allestito in collaborazione con l’autorita’ portuale di Salerno dove verranno serviti 1300 pasti per i profughi.

Imponente il sevizio d’ordine con oltre 500 uomini tra polizia, carabinieri, guardia di finanza e polizia municipale, oltre a personale di Croce Rossa e Humanitas. “Abbiamo lavorato tutta la notte per garantire una accoglienza dignitosa – sottolinea il prefetto di Salerno, Gerarda Maria Pantalone – rispetto al primo sbarco del primo luglio siamo in presenza del doppio dei migranti quindi l’operazione e’ piu’ complessa”.
Sono 130 i migranti che verranno accolti a Salerno, 300 nel resto della Campania, mentre i restanti profughi saranno accompagnati in centri di accoglienza di Reggio Emilia, Firenze, Campobasso e Roma. (AGI) .



   

 

 

7 Commenti per “Salerno, nave Etna: militari aggrediti da clandestini. Molti casi di scabbia a bordo”

  1. Si danno da fare per garantire la dignità solamente ai migranti agli italiani non ci pensa nessuno.

  2. e vero che noi italiani accogliamo con diglità tutti e siamo ospitali ma scusate una domanda viene spontanea quanto costerà al governo questi spostamenti nei centri di acoglienza da salerno? quando costerà in assictenza sanitaria alla città di salerno? lo stato dovrebbe fare due conti e sbattere con forza visto che ora abbiamo la prsidneza a bruxsels con l’europa x avere aiuto e ognuno faccia la sua parte ( tanto noi continiamo ad accogliere con solidarietà questa povera gente) che Dio li aiuti MA A NOI CHI CI AIUTA?????

  3. ma quanti soldi sta spendendo lo stato con sta gente, visto che credo non verranno mai resi,invece di spenderli cosi’ li avrebbero distribuiti a tutti quelli che han perso il lavoro causa crisi economica, giusto per ricominciare e magari non uccidersi,ne avrebbero avanzati ancora.abbiamo proprio dei bei politici in italia.

  4. l’articolo è una menzogna pazzesca… non c’è stata nessuna aggressione, tra militari del 19 rgt Guide carabinieri e polizia al massimo c’erano 100 rappresentanti delle forze del’ordine, e l’accoglienza e lo smistamento si è svolto nella massima calma. Riconosciuti almeno tre scafisti.
    A prescindere dall’ideologia politica chi si dedica all’informazione cerchi di informarsi invece di gettare benzina sul fuoco. (io c’ero)

  5. BRAVO MARCO, HAI FATTO LA TUA FIGURA DI M… che sei

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -