Immigrati: racconto dal ‘lager’ libico, “Sfruttati e uccisi”

Condividi

 

sbarcoRagusa, 17 lug. – Il fermo di quattro scafisti ieri da parte della polizia di Ragusa (due tunisini, un somalo e un eritreo), e’ frutto delle testimonianze drammatiche di aluni dei 470 stranieri sbarcati ieri a Pozzallo, in maggioranza eritrei e somali.

Un’eritrea ha raccontato i dettagli del drammatico viaggio con le sue figlie di due e tredici anni: “Ho pagato quattromila dollari per partire dalla Libia. Il viaggio ha avuto inizio un mese fa, quando hanno condotto me e le mie figlie, con altre 106 persone, attraverso il deserto. Subito i membri della banda si sono dimostrati cattivi e molti di noi sono stati picchiati. In territorio libico tre dei miei compagni sono morti per la mancanza d’acqua e le percosse subite”. (AGI) .

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -