Venezia 71: quattro restauri per la Cineteca di Bologna

Condividi

 

Una scena del film La cina è vicina di Marco Bellocchio

Una scena del film La cina è vicina di Marco Bellocchio

Fresca vincitrice di un Leone d’Oro per il restauro de La proprietà non è più un furto di Elio Petri, la Cineteca di Bologna è già pronta a calare un altro poker “di autori” per la 71° edizione della Mostra internazionale di Arte cinematografica di Venezia, che si svolgerà al Lido da mercoledì 27 agosto a sabato 6 settembre 2014.
La Cina è vicina di Marco Bellocchio, Umberto D. di Vittorio de Sica, L’udienza di Marco Ferreri e Todo modo di Elio Petri sono i quattro restauri del laboratorio “L’immagine ritrovata” che concorreranno nella sezione “Venezia classici”.

E a presiedere la giuria, composta da 28 laureandi in Storia del Cinema segnalati dai docenti di 13 DAMS e della università veneziana Cà Foscari, sarà Giuliano Montaldo.
Del regista genovese verrà presentato il restauro del cortometraggio Arlecchino, il primo esperimento al mondo di riprese in alta definizione per la televisione, realizzato dalla RAI con la NHK (la televisione pubblica giapponese) e la Sony nel 1983, che ha aperto la strada al cinema digitale.

 

Luca Balduzzi

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -