Boldrini e la grammatica: “La presidente, non il presidente. La ministra e non il ministro”

boldrini

 

11 luglio – I problemi di chi non ha problemi. Mentre oggi la Caritas ha lanciato un grave allarme per la povertà assoluta che ormai interessa oltre milioni di italiani, la Boldrini, come sempre lontana dal popolo e dalla realtà italiana, si perde completamente nella vacuità del superfluo.

“La presidente e non il presidente. La ministra e non il ministro. Quando una donna ricopre un incarico pubblico è un dovere che la carica venga ufficialmente declinata al femminile.”

Lo spiega la donna più in alto nella gerarchia istituzionale, Laura Boldrini, terza carica dello Stato italiano: “Usare il linguaggio in un modo o in un altro è una scelta politica. Non trovo giusto che donne che svolgono un ruolo, di vertice o no, non debbano avere un riconoscimento di genere – ha detto la presidente della Camera, portando il suo saluto al convegno organizzato a Montecitorio dalla rete di giornaliste “Giulia” per presentare “Donne, grammatica e media, una guida realizzata ad uso delle redazioni” – perché è il segno che vengono considerate delle ‘comete’: passeranno, tutto tornerà come prima, tutto tornerà al maschile.”

“Il problema non è che sia cacofonico dirlo al femminile. In realtà non si vuole assorbire il concetto – ha aggiunto Boldrini – che se un mestiere è fatto da un uomo si declina al maschile, se è fatto da una donna si declina al femminile. Il lavoro dell’insegnante nella scuola primaria è svolto quasi sempre da donne, da maestre. Ma quando c’è un uomo a farlo nessuno lo chiamerebbe “maestra” solo perché è il genere di gran lunga prevalente nella categoria.”

“Questo lavoro è utile e importante – ha concluso la presidente della Camera – e mi auguro che possa rilanciare un dibattito pubblico, perché non accettare la declinazione al femminile vuol dire non riconoscere un dato di fatto: che i tempi cambiano, che anche la lingua cambia, che non ci sono più i tabù di un tempo, che certe posizioni di responsabilità oggi possono essere per uomini e per donne, e che la donna può anche “osare” di volerle raggiungerle”.

Condividi l'articolo

 



   

6 Commenti per “Boldrini e la grammatica: “La presidente, non il presidente. La ministra e non il ministro””

  1. ……ma saprà quanto costa un litro di latte?

  2. E’ mai possibile che andremo a farci visitare dalla “medica” o la GdF arresterà una “evaditrice”?
    Mi hanno insegnato che si dice “sindaco donna”, “notaio donna” ecc.; va bene, sono passati tanti anni da allora, ma uno stravolgimento della grammatica di tale portata mi sembra troppo!

  3. Con grande fatica ed ingoiando un boccone amarissimo, debbo dare ragione alla Presidente della Camera. Quando ero alle elementari (purtroppo nei primi anni ’50) la Maestra ci spiegò che quello che termina con la vocale “A” è femminile, quello che termina con la vocale “O” è maschile e quello che termina con la vocale “E” è neutro. Per cui Il Ministro e la Ministra, l’Architetto e l’Architetta, Il Presidente e la Presidente, eliminando quella “mostruosità” della desinenza “essa”, il Dottore resta Dottore e l’Ingegnere resta Ingegnere.

  4. Questo è un problema gravissimo io non ci dormo di notte…per fortuna che c’è la Boldrini. Si vede che questa signora ha sempre mangiato a sazietà non ha idea di quali sono i problemi di noi italiani.

  5. Ma, sono tutti qui, i problemi del Presidente della Camera dei Deputati? E’ mia impressione che, questa signora sia convinta che, ogni cretinata che dice, gli diano una bambolina in omaggio.

  6. E se si tratta di un gay o di una lesbica?

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -