Israele, ultimatum di Peres: “Basta razzi o invadiamo Gaza”

peres9 luglio – Un’offensiva di terra su Gaza “potrebbe avvenire presto” se Hamas non fermerà il lancio di razzi. Lo ha detto il presidente israeliano Shimon Peres in un’intervista alla Cnn. “Li abbiamo avvertiti. Gli abbiamo chiesto di fermarsi- ha detto Peres all’emittente Usa- abbiamo atteso un giorno, due giorni, tre giorni e hanno continuato e hanno sparso il loro fuoco su più zone di Israele”.

“L’esercito è pronto per tutte le possibilità”, poco prima era stato il premier israeliano Benjamin Netanyahu, citato dai media locali, dopo una riunione del gabinetto di Sicurezza, a fare il punto. “Hamas – ha affermato – pagherà un caro prezzo per avere aperto il fuoco verso i cittadini israeliani. La sicurezza dei cittadini israeliani viene prima. L’operazione verrà estesa e continuerà finché le nostre città non verranno più attaccate e tornerà la calma”.

Ma Hamas non cede: il sistema di difesa israeliano Iron Dome ha intercettato un razzo sui cieli di Dimona, mentre altri due ordigni sono caduti in aree disabitate. Lo riferiscono i media israeliani. Hamas ha rivendicato l’attacco, affermando che l’obiettivo è il reattore nucleare della città.

Nella notte di martedì l’esercito israeliano ha sferrato nuovi raid e nel secondo giorno dell’offensiva sono stati attaccati 160 obiettivi, mentre dall’inizio dell’operazione le Forze aeree e la Marina israeliane hanno attaccato 435 obiettivi. Secondo fonti militari di Israele sono 225 i razzi dalla Striscia dall’inizio dell’operazione ‘Margine protettivo’ partita lunedì notte, una quarantina dei quali è stata intercettata dal sistema di difesa Iron Dome.

Bilancio vittime – Intanto è salito a 36 il numero delle vittime palestinese dell’offensiva israeliana a Gaza. Lo ha riferito l’agenzia di stampa di Hamas Safa, secondo cui tra le vittime ci sono una donna di 80 anni e cinque bambini di 2,8,10,13 e 15 anni. I feriti sono oltre 260.

Questa mattina le sirene anti missile sono risuonate anche a Tel Aviv, dove sono seguite circa sei esplosioni, ad Ashkelon (Ascalona) ed in altre comunità vicino il confine con Gaza. I residenti si sono messi al riparo nei rifugi antiaerei. adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -