Piacenza: stanziati 202mila euro per i nomadi, tolto assegno ad anziani non autosufficienti

nomadi-roma5 luglio – La Lega Nord all’attacco del Sindaco Paolo Dosi: “Allucinante stanziare 202mila euro per i nomadi e togliere gli assegni di cura per gli anziani non autosufficienti”

Duro attacco della segreteria provinciale della Lega Nord al sindaco di Piacenza Paolo Dosi: “Allucinante e vergognoso lo stanziamento di ben 202mila euro per il campo nomadi, quando questa gente, per moltissimi anni ed anche sotto la precedente gestione Reggi, non ha mai pagato luce e gas, debiti che poi sono sempre stati ripianati con i soldi dei piacentini. La Lega Nord combatte da sempre contro l’illegalità che vige all’interno delle comunità rom e sinti ed infatti, in Regione Emilia Romagna, sarà presto presentato dai nostri rappresentanti un progetto di legge, supportato da migliaia di firme dei cittadini, per la chiusura totale dei campi nomadi.

Inoltre è ancora più grave ed inaccettabile il fatto che, proprio negli stessi giorni, vengano cancellati gli assegni di cura per gli anziani non autosufficienti definiti “meno gravi”, i quali sono quelli della “Fascia C – gravità media”.

Praticamente sono stati tolti soldi ai nostri anziani in difficoltà, mentre per i nomadi si trovano sempre. L’assessore Cugini la definisce “una scelta dolorosa ma imposta dai tagli”. I tagli a questo fondo sono stati di 300mila euro: destinando i 202mila euro stanziati per i nomadi si recupererebbero già i 2/3 del totale. Dal nostro punto di vista il sindaco Dosi, dopo questa trovata, dovrebbe fare le valigie e andare a fare il primo cittadino solamente all’interno del campo nomadi. Probabilmente lì si troverebbe più a suo agio visti i continui stanziamenti in loro favore e sarebbe ben voluto da tutti, a differenza dei piacentini, che ormai, tra favoritismi ai profughi (o presunti tali) e nomadi, sono considerati cittadini di serie B”.

www.piacenzasera.it/



   

 

 

5 Commenti per “Piacenza: stanziati 202mila euro per i nomadi, tolto assegno ad anziani non autosufficienti”

  1. Il sindaco Dosi è un traditore della patria, naturalmente fa parte del Pd. Io li condannerei tutti per alto tradimento ai lavori forzati in Congo.

  2. Bisognerebbe chiedere a CHI LO HA VOTATO perché lo hanno fatto e se lo voterebbero un’altra volta… Altra pugnalata a questa povera Italia !

    • Roberto Zappone

      … … Le ” P ecore D evote ” , SI ‘ , … ” LO VOTEREBBERO UN ‘ ALTRA VOLTA ” , … … … se non proprio LUI , … … … sicuramente ” il nuovo ” P astore D annoso ” … di turno !! — Roberto Zappone Castel Bolognese

  3. Ma voi credete seriamente a queste cagate? Quale sarebbe la fonte di questa notizia?

    • Le cagate sono quelle che escono dalla sua bocca. Lei ha una fonte che la smentisce?

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -