Italiano malato cacciato dal dormitorio per far posto ai profughi eritrei

dormitMilano, 2 luglio 2014 – Antonio Di Salvo Cacciato Dormitorio Profughi

“Chiedo solo un posto per dormire”. E’ questa la semplice richiesta di Antonio Di Salvo, 56 anni, che non ha un posto fisso dove stare a Milano da 10 giorni.

Si trascina reggendosi su una stampella (“ho subìto un’operazione all’anca tre mesi fa”), uno zainetto con il necessario per la fisioterapia (“quella per fortuna è gratis”) e un’altra busta con i suoi oggetti personali (“non ho un posto in cui conservarli”). Dormiva in un centro d’accoglienza di viale Isonzo. “Poi, di punto in bianco, mi hanno mandato via, insieme ad altri, per far posto ai profughi eritrei. Era il 21 giugno”.

E’ Il Giorno, con un articolo di Marianna Vazzana, a raccontare la sua storia. Antonio ha due figli; lavorava come magazziniere, ma ha perso tutto in poco tempo: moglie (con il divorzio) e lavoro. Vive con un sussidio comunale di 150 euro mensili destinato agli adulti in difficoltà. Di questi soldi, ne spendeva 50 per pagare il dormitorio ogni mese. E dopo essere uscito da viale Isonzo ha continuato a sperare.

Antonio mangia in un convento, dove viene aiutato con un pasto caldo. “Gli assistenti sociali mi hanno chiesto di pazientare un paio di giorni perché per me ci sarebbe stata accoglienza in una struttura vicino al cimitero Monumentale. Ma lì mi hanno rifiutato. Aspetto una chiamata da circa una settimana, non posso continuare così, sto affrontando la fisioterapia e presto dovrò operarmi di nuovo”, sospira sconsolato.

milanotoday.it



   

 

 

2 Commenti per “Italiano malato cacciato dal dormitorio per far posto ai profughi eritrei”

  1. ciao renzi… apri occhi e orecchie

  2. Se dovessi commentare questo articolo risulterei non cattiva, ma mooolto mooolto di più.
    Sfrattati a casa nostra? No, vergognatevi, governatori, parlamentari, senatori, assessori, sindaci, fate davvero pietà. Non tutelate i cittadini italiani e favorite i clandestini…mi viene da vomitare!!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -