Cina, Hong Kong: 500 arresti alle manifestazioni per la democrazia

HONG KONG-CHINA-POLITICS-DEMOCRACY

2 luglio – La polizia ha arrestato stamattina oltre 500 persone che si rifiutavano di lasciare il quartiere degli affari nel cuore di Hong Kong, dopo una manifestazione in favore della democrazia alla quale avevano partecipato centinaia di migliaia di abitanti dell’ex colonia britannica passata sotto la sovranità cinese nel 1997.

Le forze dell’ordine sono intervenute verso le 3 di notte a Central, il quartiere delle banche e dei centir commerciali, sloggiando i manifestanti che avevano deciso di occupare le piazze fino a questa mattina. Alla manifestazione della vigilia avevano preso parte oltre mezzo milione di persone su una popolazione complessiva di 7,2 milioni. Le stime ufficiali riportavano invece 98.600 presenze.

La manifestazione si è svolta dopo lo svolgimento di un referendum non ufficiale sull’instaurazione del suffragio universale diretto.
Hong Kong gode – in virtù del principio di “un solo Paese, due sistemi diversi” – di uno statuto di larga autonomia rispetto alle autorità cinesi: tuttavia gli abitanti temono una progressiva erosione dei loro diritti, soprattutto dopo la pubblicazione da parte del governo cinese di un Libro Bianco su Hong Kong, interpretato come un avvertimento a non oltrepassare i limiti. tmnews



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -