Padova, Crepet contro Bitonci: Una vergogna. Il crocifisso ti fa venire l’angoscia

Bitonci sindaco, Crepet: “Una vergogna, pare Gentilini 20 anni fa” su La Zanzara a Radio 24

crepet20 giugno – E dopo il fotografo e il comico, ecco lo psichiatra. Il neo sindaco di Padova, il leghista Massimo Bitonci, continua a far parlare di sè a livello nazionale, soprattutto dopo l’annuncio di voler rendere obbligatoria l’affissione in tutti gli edifici pubblici del crocifisso. Così, dopo essersi attirato gli strali del fotografo Oliviero Toscani (Tra scoregge e diarrea: le opinioni di Oliviero Toscani, icona della sinistra chic), che ai microfoni della trasmissione “La Zanzara” di Radio 24 aveva dichiarato “Bitonci? Inciampa e basta. Chi ha votato Lega è imbecille e analfabeta, anzi di più”, e la duplice tirata d’orecchi di Natalino Balasso via Facebook sia sul provvedimento anti-ramadan nelle palestre comunali che sul Gesù in croce, adesso è la volta del noto psichiatra Paolo Crepet.

“VERGOGNA AVERLO SINDACO”. “Oliviero Toscani ha centomila ragioni, non una – ha dichiarato quest’ultimo, sempre a “La Zanzara” – Sono padovano di vergogna, non di nascita. Ho fatto a Padova tutta la scuola e l’università e c’è da vergognarsi ad avere un sindaco come Massimo Bitonci. Mi vergogno – ha affermato all’emittente, che ha diffuso una nota – che quella meravigliosa città che fu anche di Galilei debba passare questi momenti così tristi. È una cosa tremenda che abbiano eletto un sindaco simile. Se la maggioranza lo vuole si arrangino”.

Il degrado di Padova, abbandonata alla criminalità, non è una vergogna, caro Crapetto??

Padova, accampamenti di clandestini: discariche a cielo aperto e criminalità

Padova. Assalti ai portavalori: presa una banda di Rom, 18 arresti

Padova: Blitz contro gli abusivi, vigili aggrediti da africani

Rissa tra cinesi e nordafricani, polveriera multi-etnica esplode a Padova

Preso il rapinatore e stupratore seriale di Padova, è un tunisino

Padova: Minacciato da baby gang di nigeriani, 15enne ruba gioielli ai genitori

Padova: nigeriani con permesso umanitario, ma sono spacciatori di droga eccc ecc….

GENTILINI-STYLE. “Leggo quello che vuole fare e che dice – ha rilevato lo psichiatra spesso ospite di trasmissioni tv – Una vergogna; sembra la cosa di Treviso di 20 anni fa con Gentilini che toglieva le panchine per non far sedere i poveri lavoratori di colore. Uno schifo terribile. Umanamente la trovo una schifezza, una roba detestabile”.

E sul crocifisso obbligatorio nei locali pubblici ha contro-proposto “perchè invece non mettono un Bambin Gesù che ride? Il crocifisso è un torturato a morte. Perchè mettere l’immagine di un torturato a morte? Nella Chiesa cattolica c’è anche il bambino che sorride. Visto che devi stare anche 5 ore in un liceo con tutti i ragazzi che lo guardano, il crocifisso ti fa venire l’angoscia. È come mettere uno sulla sedia elettrica”.

padovaoggi.it

Padova, terrorismo: espulsi 2 marocchini

Padova: nomadi fanno le docce e lavano i panni nel cimitero

Padova: cocaina potenziata e tagliata con vermicida, 27 nordafricani arrestati

Padova: 3 immigrati picchiano studente italiano “questo è il nostro territorio”

Padova: baristi minacciati da nordafricano; chiusi dentro fino a sera

Folle gioco a Padova: Ragazzini rom scagliano sassi sulle auto in corsa

“Mi hanno massacato, Padova è in mano a baby gang di immigrati”

Padova: sgominata banda di nomadi che assaltava i bancomat, 21 arresti

Padova: picchiata brutalmente e stuprata nel Parco da uno straniero

 



   

 

 

4 Commenti per “Padova, Crepet contro Bitonci: Una vergogna. Il crocifisso ti fa venire l’angoscia”

  1. Crepet, sveglia!!!!!! . La CROCE è un simbolo di RESURREZIONE, non di morte. Sta a significare che la morte del corpo NON è la fine, ma un nuovo inizio, quello per il quale siamo nati, l’unico che può dare un senso alla vita, soprattutto alla più dura e difficile.

  2. La rovina dell’Italia sono queste “celebrità” come Toscani e Crepet !

  3. crepet e’ un ectoplasma come lo e’ toscani… senza idee personali.. ma marionette telecomandate per insultare chiunque non sia come loro … casi pietosi come d’arcais o dario fo e tanti altri .. che se le cantano e si imbrodano come bimbetti beccati con le dita nella marmellata … sono una vergogna per una societa’ civile

  4. Poveretto!!!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -