La rabbia dei lavoratori Fiat di Nola: manichino di Marchionne impiccato

Manichino di Marchionne impiccato: la dura protesta dei lavoratori Fiat di Nola

fiat-nola

6 giu –  – Non si ferma l’onda lunga della rabbia per la morte di Maria Baratto, la dipendente Fiat in cassa integrazione che si era suicidata lo scorso venticinque maggio. Dopo essersi finti cadaveri insanguinati, i colleghi di Maria questa mattina hanno deciso di “far suicidare” quello che reputano essere l’unico vero responsabile delle loro sofferenze: l’ad di Fiat, Sergio Marchionne.

I Cobas del Comitato di Lotta cassintegrati e licenziati Fiat si sono presentati davanti ai cancelli dello stabilimento di Nola con un manichino a grandezza naturale di Marchionne e lo hanno impiccato. Poi, i lavoratori hanno distribuito un volantino con l’ipotetico testamento dell’ad di Fiat.

“I sensi di colpa… il testamento. Il mio lascito prima del mio ultimo respiro. Quelli che verranno dopo di me spero che siano non attenti solo al profitto ma – si legge – al benessere dei lavoratori licenziati e cassintegrati. Chiedo – continua il volantino – come atto di clemenza la riassunzione di tutti i 316 deportati a Nola nello stabilimento di Pomigliano D’Arco. Chiedo – si conclude il testamento – perdono per le morti che ho provocato, chiedo scusa a tutti”. Firmato, Sergio Marchionne.

www.today.it



   

 

 

2 Commenti per “La rabbia dei lavoratori Fiat di Nola: manichino di Marchionne impiccato”

  1. Non condivido questi estremismi, ma comunque Marchionne non è un buon AD.In caso contrario sarebbe stimato dai dipendenti Fiat.

  2. Se è estremismo, e lo ritengo opinabile, è un estremismo fatto di simboli, che non creano problemi materiali di sorta. Ben più grave l’estremismo delle dirigenze (d’ogni tipo e colore), che sta facendo concretissimi e materialissimi danni, rovinando la vita a milioni di persone. Da che parte pende la bilancia?

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -