A Donetsk si attende l’attacco delle forze ucraine

28 magg – A Donetsk si continuano ad ammassare barricate in previsione di un assalto dell’esercito ucraino in città, dopo quello avvenuto all’aeroporto. Mentre caccia militari sorvolano l’area, uno scontro sembra essere già in corso. Raffiche di mitragliatrici risuonano vicino alla sede dell’intelligence, la Sbu, occupata dai ribelli.

Altre sparatorie sono segnalate in una strada adiacente. Non lontano c‘è il palazzo dell’amministrazione, anch’esso controllato dai separatisti.

Molte le auto che si muovono verso la zona ovest, ritenuta relativamente più sicura.L’offensiva delle forze ucraine, che tenterebbe di sfondare il ‘fronte’ nord di Donetsk, è vista con timore dagli abitanti della città considerata un baluardo dei filorussi.

“Perché tutto questo?”, si chiede un’abitante, Tatiana Zorina. “Siamo tutti preoccupati. Come potete bombardare noi, gente disarmata? Non abbiamo armi e ci lanciate bombe? Dovreste riflettere. Noi non vi stiamo attaccando, ci stiamo solo difendendo.”

Mentre i negozi chiudono e alcuni quartieri si svuotano, una colonna di mezzi con decine di filorussi armati è stata vista muoversi dalla zona orientale di Donetsk verso il centro o forse verso l’aeroporto.
Le autorità dell’autoproclamata repubblica hanno decretato il coprifuoco notturno.

 

La battaglia per il controllo dell’aeroporto di Donetsk sarebbe costata la vita a un centinaio di persone tra combattenti e civili. Le immagini che seguono mostrano una trentina di corpi in un obitorio locale. Si tratterebbe – secondo testimoni – di separatisti che viaggiavano su un veicolo colpito dal fuoco di un cecchino.

ucraina2

Difficile verificare il numero esatto delle vittime provocate dallo scontro in atto tra le forze ucraine e i ribelli nell’est del Paese, dove anche gli osservatori dell’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europea sono stati coinvolti. Quattro membri della missione speciale sono stati catturati dai separatisti.

A Donetsk i combattimenti si sono concentrati nella zona dell’aeroporto, per poi sconfinare. Lo stadio di hockey è stato incendiato dai separatisti che vi hanno fatto irruzione.

Anche Sloviansk è stata teatro di pesanti scontri. Anche qui sarebbero rimasti uccisi dei civili.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -