Per l’Economist gli euroscettici sono “Eurobarbari” in arrivo

euro-break

 

24 magg – Partiti euroscettici e antieuro in ascesa, con una forte presenza nel nuovo Europarlamento. Sono le previsioni dell’istituto di ricerca Electionista, che ha accorpato i sondaggi effettuati su scala nazionale nei vari Paesi dell’Unione. Secondo i dati, pubblicati dall’Economist, il fronte euroscettico è destinato a conquistare circa un terzo dei seggi in Gran Bretagna, Francia e Italia, spingendo il settimanale ad annunciare l’arrivo degli “Eurobarbari”.

Gli esponenti dei movimenti e dei partiti fortemente critici con Bruxelles otterranno seggi in 16 Paesi sui 28 che compongono l’Unione Europea, raddoppiando i propri consensi in Grecia, Austria, Finlandia e Danimarca, rispetto alle precedenti elezioni europee del 2009. Il fronte anti Europa avanza anche in Germania, dove finora non era riuscito a conquistare alcun seggio.

I partiti fortemente euroscettici, quelli cioè che chiedono per i loro Paesi l’uscita dalla Ue o dall’eurozona, potrebbero in generale ottenere il 15% dei seggi del nuovo Europarlamento. Secondo Alberto Nardelli di Electionista, la loro presenza sugli scranni di Bruxelles e Strasburgo non sarebbe comunque sufficiente a bloccare i lavori del nuovo Parlamento europeo. Questi partiti e movimenti potranno però influenzare all’interno dei rispettivi Paesi il dibattito sull’integrazione europea. adnk



   

 

 

3 Commenti per “Per l’Economist gli euroscettici sono “Eurobarbari” in arrivo”

  1. Quelli dell’economist sono invece dei poveri eurofanatici esaltati e parac..i !

  2. Ludovico fulci

    Se i movimenti euroscettici avranno il successo che mi auguro si inventeranno qualsiasi cosa per depotenziare il parlamento europeo e non dovessero riuscirci faranno il possibile per non farci più votare….

  3. Hanno creato un mostro, un calderone in cui hanno messo ogni razza e moneta, illudendoci che sarebbe stato nell’interesse dei popoli. Non sapevamo, in verità, che sarebbe stato fatto, quest’abominio, non nell’interesse di tutti, ma di poche pochissime persone, che tirano i fili dell’economia. Le banche sono sono le loro serve, il capitalismo il loro credo.
    Fuori da quest’Europa!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -