Ventidue anni fa la strage di Capaci

nave-legalita

23 MAGG – Ventidue anni dopo, Palermo si ferma per ricordare la strage di Capaci, in cui morirono il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, e tre agenti di scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. Anche quest’anno il capoluogo siciliano sarà “invaso” festosamente da migliaia di ragazzi provenienti dalle scuole di tutta Italia, per una giornata dedicata alla memoria e alla riflessione sugli insegnamenti di quanti sacrificarono la propria vita nella lotta alla mafia.

Anche oggi al porto di Palermo approderà la nave della legalità, con a bordo 1500 studenti, mentre dagli Stati Uniti sono arrivati otto studenti americani per testimoniare come la lezione di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino sia viva anche nelle coscienze dei giovani d’oltreoceano.

La sorella di Falcone: Giovanni fu combattuto anche all’interno della magistratura

Palermo – Ecco che cosa disse Falcone su Orlando

Capitano Ultimo: “L’antimafia? E solo un business”

Insieme ai ragazzi, sulla nave sono presenti anche il presidente del Senato Pietro Grasso, il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, il presidente della Commissione Nazionale Antimafia Rosy Bindi, il presidente della Corte dei Conti Raffaele Squitieri, il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti e il presidente Rai Anna Maria Tarantola. Dopo l’arrivo in porto, i ragazzi si sposteranno all’aula bunker del carcere Ucciardone, luogo in cui il pool antimafia riuscì a portare alla sbarra e vedere condannati per la prima volta nella storia il gotha mafioso.

La manifestazione, che vedrà il momento più intenso oggi pomeriggio di fronte all’albero Falcone, davanti all’abitazione del magistrato, è stata organizzata dal Ministero dell’Istruzione e dell’Università in collaborazione con la Fondazione Giovanni e Francesca Falcone.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -