Bortoletti: gli sprechi di fondi comunitari in sede UE

bortoletti

 

22 magg – In relazione all’ “importante” discussione in sede UE sulle date di scadenza di pasta, riso e caffè, riportata dai principali quotidiani in edicola, il Colonnello dei Carabinieri Maurizio Bortoletti, candidato alle elezioni europee 2014 per Fratelli d’Italia- Alleanza Nazionale nella Circoscrizione 2 (Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, trentino Alto Adige e Veneto), unico candidato in servizio delle Forze di Polizia e delle Forze Armate in tutte le liste presenti in questo collegio, presenta oggi, in una serie di incontri programmati sul territorio, gli SPRECHI in sede UE fin qui censiti – che, invero, sembrano attirare meno l’attenzione delle Istituzioni comunitarie – in queste prime settimane di campagna elettorale (pubblicati all’indirizzo www.mauriziobortoletti.it/category/news/) e le soluzioni proposte.

Definito da Libero “il vaccino antisprechi”, dal Corriere del Veneto “il carabiniere antisprechi” e dal Giornale “il carabiniere che ha risanato la più incredibile ASL d’Italia”, Bortoletti interviene sui primi 6 sprechi censiti, che evidenziano un “singolare” utilizzo dei fondi comunitari per 24,15 milioni di euro e mostrano:

  • 1. che l’Italia continua a dare più di quello che riceve sui fondi comunitari, con uno squilibrio superiore a 4 miliardi di euro per anno;
  • 2. come la complicazione burocratica e formalistica per utilizzare i fondi comunitari e, soprattutto, per rendicontarli, unita alla lentezza burocratica delle istituzioni preposte, finiscano con allontanare imprese e cittadini (nel 2013, al termine dell’ultimo ciclo di programmazione, risultano ancora non utilizzati 11,5 miliardi, pari al 53,3% delle risorse disponibili).

Il Colonnello Bortoletti, convinto che cambiare non equivale a migliorare ma che per migliorare sia indispensabile cambiare, è portatore in Europa di tre linee di intervento sul tema, ben più rilevante di quello sulla data di scadenza di alcuni prodotti, che sono concrete, sostenibili, attuabili:

  • 1 -la messa a sistema di un “sistema di trasparenza” che consenta effettivamente, e non solo come adempimento formale, un efficace controllo diffuso da parte dei cittadini: la “trasparenza è come il sole, un ottimo disinfettante” e serve a impedire che fatti simili si ripetano;
  • 2 -l’istituzione di un Centro nazionale di programmazione, progettazione, formazione e costituzione di reti a favore di PMI, associazioni, comuni ed università, perché non sono “soldi europei” ma soldi degli italiani che mandiamo all’Europa e che devono tornare agli italiani.
  • 3 – l’inserimento tra gli assi di finanziamento anche quelli che si attagliano maggiormente alla realtà italiana, quali quelli per fronteggiare il dissesto idrogeologico, prevenire i disastri causati dagli eventi sismici, restaurare e valorizzare i beni culturali, combattere l’erosione delle coste e sostenere le microimprese che caratterizzano l’economia italiana.

Padova, 22 maggio 2014.

APPENDICE Elenco sprechi citati e già pubblicati.

  • – 2,5 mil stanziati per la compagnia di danza contemporanea Web Europe di Vienna,
  • 50.000 per il laboratorio di hip hop di Lione,
  • 100.000 per il famosissimo tango finlandese e
  • 125.000 per integrare la musica danese e quella svedese. –
  • In Svezia, un paesino di nome Orsa (5000 abitanti) ha ricevuto 850.000 euro per costruire un “centro del legno”, caratterizzato dalla accessibilità di tutte le parti della struttura da parte di uomini e donne. –
  • Al Belgio son stati destinati 9.3 milioni di euro per chiunque sapesse convertire gli spazi di Lovanio in “… un’oasi di tranquillità e relax…”;
  • 120.000 euro sono andati al santuario de la Armada a Celanova, in Spagna, per creare un centro pellegrini;
  • 600.000 a Oldham in Inghilterra per la fontana musicale che offre relax e frescura. –
  • L’Europa ha stanziato 1,4 milioni di euro per salvare l’identità del giardino nel Somerset e
  • 1,5 milioni di euro per il festival di Newcastle, ove sono state svolti massaggi alla testa, magie con un mago, muro per arrampicare e pittura del volto. –
  • Novembre 2013, l’Europa, con il progetto Med-nec II, regala 5 Milioni di euro all’Egitto per organizzare dibattiti sulla green economy, tra cui l’imperdibile ciclo di conferenze “Cairo Climate Talks”.
  • – 200.000 euro destinati al Festival del Vento per “… dare all’organo un ruolo naturale nella vita culturale … ”;
  • – 1, 8 milioni di euro per finanziare 11 film in 3D per il museo di Baleia, un anfratto dell’arcipelago di Madeira;
  • – 200.000 euro versati allo State Puppet Theatre di Tallinn per “… favorire il dialogo con i Paesi baltici sul tema fondamentalissimo delle marionette…”;
  • – 400.000 euro per aiutare le performance dei “gorilla volanti”, una compagnia di danza inglese specializzata nel combinare i suoni di sassofoni, clarinetti e … rutti.

Fonti: diversi siti web; M. Bortoletti, Corruzione, Rubbettino; De Robertis, La casta invisibile delle Regioni, Rubbettino; M. Giordano, Non vale una lira, Mondadori; M. Gabanelli, Cara Politica, BUR; D.Francese, Sanità spa, tagliare il malaffare, Newton; P. Aprile, Il sud puzza, Piemme; M. Cervi, N. Porro, Sprecopoli, Mondadori.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -