Cina, 11enne uccisa di botte dal padre per aver copiato a scuola

cina-scuola21 magg – Una bambina cinese di 11 anni è stata picchiata a morte dal padre per aver copiato un compito in classe da una compagna, l ‘ultimo caso di una lunga serie, riportato dai media di Stato, di gravi maltrattamenti di minori nel contesto di un sistema scolastico fortemente competitivo.

Il padre ha fatto inginocchiare la figlia prima di picchiarla. Poi accortosi che non respirava più, l’ha portata all’ospedale dove è deceduta l’indomani, ha riportato l’agenzia Xinhua. I medici del nosocomio di Hangzhou, nell’est del Paese, hanno rilevato multipli lividi e ferite sul collo e la schiena della bambina oltre ai segni di uno strangolamento durato almeno cinque minuti, ha precisato il giornale Xiandai Jinbao.

Questo tragico evento in termini di tempo è l’ultimo caso di maltrattamenti di minori che hanno suscitato ondate di indignazioni sul web cinese. Da inizio mese, le foto del volto tumefatto di un bambino di 10 anni che era stato picchiato da un familiare era stato largamente condiviso sui social network: numerosi internauti avevano lanciato un appello ad un inasprimento delle leggi contro i maltrattamenti di bambini. (tiscali con fonte Afp)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -