Bagnasco: “sciagure e drammi” nel Mediterraneo, la UE si occupi degli immigrati

bagnasco20 magg – Davanti alle “sciagure e drammi” che si ripetono nel Mediterraneo, “rispetto ai quali nessuno puo’ rimanere indifferente”, per il cardinale Angelo Bagnasco “non basta l’indignazione occasionale”. “Se l’Europa vuole presentarsi come ‘casa comune’, e non un insieme di interessi dove chi e’ piu’ forte prevale, non puo’ tirarsi indietro e guardare infastidita”, ha detto il presidente della Cei intervenuto in apertura della seconda giornata dei lavori della 66esima Assemblea Generale dell’Episcopato Italiano.

“Sotto i nostri sguardi – ha rilevato il cardinale Bagnasco – si consuma l’esodo di popoli che guardano a noi come alla terra promessa: pur di giungervi, non esitano a mettersi nelle mani di mercanti di morte”. “Sappiamo – ha aggiunto – che le risposte immediate devono raccordarsi con interventi piu’ articolati, che richiedono prospettive piu’ ampie e risolutive”. “Per questo – ha spiegato il cardinale presidente a nome dell’intero Episcopato italiano – non possiamo rinunciare a dire alla politica, specialmente alla politica europea, la sterilita’ di polemiche che rimbalzano le responsabilita’”.

“Ricordiamo: nessuno – ha scandito Bagnasco – si salva da solo. Serve altro per accordare vita e dignita’ a chi e’ in fuga dalla fame, dalla guerra, da regimi che soffocano la liberta’ politica, religiosa e ogni prospettiva di futuro”. “La nostra gente – ha sottolineato il cardinale – lo sa e risponde con la generosita’ del cuore: penso a tante realta’ diocesane, cresciute negli anni, impegnate quotidianamente sul fronte dell’accoglienza, dell’assistenza, della tutela dei cittadini stranieri, della loro dignita’ e sicurezza”. Un’accoglienza che Bagnasco ha descritto come “semplice e cordiale, fatta di gesti concreti, che grazie alla rete delle parrocchie, delle caritas diocesane, di Migrantes, di tante associazioni, intesse l’ordito di una presenza capillare sul territorio, cui s’accompagna anche un processo culturale, capace di evitare sia le semplificazioni che le paure ingiustificate”. “Entrambe – ha concluso l’arcivescovo di Genova – sono forme di discriminazione”. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -