Ucraina: Putin, “con la Cina uniti contro le forze neo-naziste”

Russia Regional Elections19 mag. – Gli eventi in Ucraina e lo scatenarsi del neo-nazismo dimostrano quanto possa essere pericoloso qualsiasi tentativo di rivedere e distorcere la storia: il monito arriva dal presidente russo, Vladimir Putin, che ha parlato con i media cinesi alla vigilia della visita che iniziera’ domani nella Repubblica popolare. “Abbiamo visto tentativi di rivedere e distorcere la storia, con crescente frequenza”, ha denunciato nell’intervista riportata in russo sul sito del Cremlino e ripresa dalle agenzie nazionali. “Le conseguenze possono essere estremamente pericolose”, ha avvertito Putin, “lo provano i tragici eventi in Ucraina, lo scatenarsi di forze neo-naziste che hanno dato vita a un vero e proprio terrore contro la popolazione civile”.

Secondo Putin, Russia e Cina concordano sul fatto che sia oggi “inaccettabile” rivedere i risultati della Seconda guerra mondiale e continueranno a “contrastare i tentativi di falsificare la storia e glorificare il nazismo”. Il Cremlino ha reso noto che Putin ha inoltre dato ordine di mettere fine alle esercitazioni militari al confine con l’Ucraina e che ha disposto che le truppe interessate all’operazione nelle regioni di Rostov, Belogorod e Bryansk facciano ritorno alle loro basi permanenti.

Il presidente russo ha poi accolto con favore l’avvio del dialogo tra le autorita’ di Kiev e i “sostenitori della federalizzazione” dell’Ucraina. Lo ha fatto sapere il Cremlino in una nota, in cui si riferiscono i risultati dell’incontro di oggi del capo di Stato con i membri permanenti del Consiglio di sicurezza russo. Nella seduta, svoltasi a Sochi, Putin ha discusso non solo di Ucraina, ma anche dei rapporti con la Cina, dove da domani sara’ in visita ufficiale.

Domani a Shnaghai Putin vedra’ il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon. Tra i “temi globali di attualita’” che tratteranno, vi sara’ anche la crisi ucraina, ha aggiunto il portavoce. Dopo che la Nato ha accertato ancora una volta l’assenza di segnali del ritiro delle truppe russe dall’Ucraina annunciato da Putin, gli Usa chiedono “prove certe”. Prima di giudicare, occorrono “prove certe e chiare” del ritiro, ha spiegato un funzionario dell’amministrazione americana.

Nel frattempo la Russia inzia a smarcarsi dai mercati europei, dipendenti dal suo gas, ma diventati ostili per la crisi ucraina. Per questo il colosso energetico Gazprom si appresterebbe a firmare un accordo per la fornitura alla Cina di 38 miliardi di metri cubi gas per 30 anni a partire dal 2018 per un controvalore di 456 miliardi di dollari. Controparte dell’intesa in via di definizione la China National Petroleum Corporation (Cnpc). Il prezzo medio, riferisce la tv Russa Today vicina al Cremlino, e’ tra i 350 e i 400 dollari per mille metri cubi, contro i 485 chiesti al’Ucraina dopo la caduta dell’ex presidente filo-russo Viktor Yanukovich.

RENZI, DA UE ARRIVI MESSAGGIO SOSTEGNO FORTE “Martedi’ prossimo si riunisce a Bruxelles il Consiglio dei capi di Stato e di governo con un odg molto delicato: tutti siamo impegnati perche’ sia forte il messaggio dell’Unione Europea, di sostegno, anche finanziario, all’Ucraina e per una Ucraina integra e inclusiva“. Lo dichiara il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, durante la conferenza stampa congiunta con il primo ministro polacco Donald Tusk. (AGI) .



   

 

 

1 Commento per “Ucraina: Putin, “con la Cina uniti contro le forze neo-naziste””

  1. Matteo, per favore, non parlare di politica estera, lascia parlare Francia e Germania, rischieresti di essere il solo a perdere la faccia.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -