410.000 gli immigrati iscritti alla Cgil “patrimonio che va valorizzato”

cgil19 mag. (Labitalia) – Il lavoro, la cittadinanza e la rappresentanza. Sono questi i tre concetti chiave attorno a cui è fotografato il fenomeno dell’immigrazione nel VII rapporto Ires ‘Immigrazione e sindacato’, appena pubblicato da Ediesse (425 pagg., 20 euro) e curato da Francesca Carrera ed Emanuele Galossi.

Gli immigrati iscritti alla Cgil sono circa 410.000, rappresentano oltre il 9% del totale dei tesserati. “La Cgil -scrive Vera Lamonica, segretaria confederale Cgil, nell’introduzione- è un luogo in cui si prova a praticare l’integrazione. Per questo vogliamo rafforzare il percorso di una maggiore presenza in tutti i luoghi dell’organizzazione, dalle rsu agli organismi dirigenti locali e nazionali”.

Complessivamente, si legge ancora nel VII Rapporto Ires su immigrazione e sindacato, il 29% degli iscritti alla Cgil con meno di 25 anni è straniero, mentre nella fascia di età compresa tra i 26 e i 35 anni la percentuale è del 27,5%.

E a livello di categoria il dato tocca punte altissime in questa fasce d’età, quindi tra i giovani, soprattutto nella Filt, dove praticamente uno su due è straniero, nella Fillea e nella Flai. “Appare evidente -scrive Kurosh Danesh nel suo saggio contenuto nel Rapporto- come tra i giovani stranieri ci sia una domanda di sindacato molto più forte che tra i giovani italiani e come questo patrimonio vada assolutamente valorizzato“.

A livello territoriale, le province con il più alto tasso di sindacalizzazione degli stranieri sono Trieste (27,9% degli stranieri, ma bisogna tener conto anche dei transfrontalieri), Forlì Cesena, Belluno e Ravenna (20%). Dal punto di vista della nazionalità, i meno interessati al sindacato sembrano gli asiatici (cinesi, indiani e filippini). I rumeni rappresentano la comunità più numerosa, ma in relazione al numero di soggiornanti in Italia, nel sindacato, sono sottodimensionati. Più interessati e partecipativi, invece, gli africani e i lavoratori provenienti dagli stati balcanici.



   

 

 

1 Commento per “410.000 gli immigrati iscritti alla Cgil “patrimonio che va valorizzato””

  1. sindacato ‘canaglia’ da sciogliere per motivi di ‘onestà’ ed ordine pubblico.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -