Maxi rissa tra detenuti stranieri al carcere della Dozza: agenti feriti

carcereBologna, 17 magg – Ieri pomeriggio dopo le 16.00 e scoppiata una maxi-rissa al Carcere della Dozza. Una ventina di detenuti di Tunisi e di Sfax si sono affrontati all’interno della sezione, hanno divelto i piedi dei tavoli nelle celle per utilizzarli come bastoni. nota la Uil Penitenziari.

Quattro agenti e due detenuti sono stati trasportati d’urgenza al pronto soccorso, al momento non si conosce la prognosi. Altri detenuti stanno ricevendo le cure del caso nell’infermeria del carcere.

Lo rende noto il Coordinatore Provinciale della UIL PA Penitenziari, Domenico Maldarizzi ed il Coordinatore Provinciale dell’Ugl Luigi Cardinale: “Esprimiamo la nostra totale vicinanza e solidarietà ai colleghi feriti e sottoliniamo che, grazie al loro pronto intervento, hanno evitato che la maxi rissa avesse un bilancio ancora più drammatico”.

“Quanto accaduto è grave – affermano Maldarizzi e Cardinale -. Da tempo stiamo denunciando la carenza di organico e di mezzi a disposizione del personale in servizio. Continuare così non è possibile anche perché siamo di fronte a penitenziari sempre più affollati e privi di strutture adeguate. Le condizioni afflittive, umilianti ed inumane della detenzione e del lavoro stanno trasformando, inesorabilmente, le nostre carceri in luogo di supplizio e tortura”.

“Alla Dozza – concludono i sindacalisti – sono ristretti circa 840 detenuti su una capienza regolamentare di poco piu’ di 400 mentre mancano circa 150 agenti di Polizia Penitenziaria”.

bolognatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -