Iran: manifestazione pro-velo a Teheran, ”stop al diffondersi del vizio”

velo

16 magg – Un migliaio di persone ha partecipato a una manifestazione a Teheran per chiedere al governo un’attuazione rigorosa delle norme che impongono il velo alle donne. Alla manifestazione organizzata nel centro della capitale partecipavano uomini e donne che con slogan e cartelli chiedevano all’esecutivo riformista di “fermare il diffondersi del vizio”. L’obbligo di indossare l’hijab in pubblico e’ stato imposto alle donne iraniane a partire dalla Rivoluzione islamica del 1979. Un’apposita forza di polizia ha il compito di controllare il rispetto del codice islamico di abbigliamento nelle strade.

Il governo del presidente Hassan Rohani, pur non avendo mai esplicitamente parlato della cancellazione dell’obbligo di indossare il velo, ha piu’ volte espresso la volonta’ di garantire maggiore liberta’ ai cittadini. Nelle ultime settimane alcune donne iraniane hanno lanciato una campagna contro il velo, fotografandosi a capo scoperto e postando le foto sui social network. Il governo e’ stato criticato dalle frange piu’ conservatrici della societa’ per non aver preso una posizione ufficiale contro questa campagna.

Donne senza velo in Iran: in migliaia aderiscono su Facebook

Contro questi sviluppi si e’ espresso oggi l’hojjatoleslam Kazem Sediqi, che ha guidato la preghiera del venerdi’ all’universita’ di Teheran. “In alcune parti del paese – ha detto, poco prima che i manifestanti scendessero in piazza – il velo comincia a esser messo via e si puo’ assistere a una piena violazione delle regole sull’hijab”. adnkronos – aki



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -