UE, Malmström: Liberare il potenziale dell’immigrazione per lo sviluppo inclusivo

Liberare il potenziale della migrazione per lo sviluppo inclusivo. Forum globale su migrazione e sviluppo – Stoccolma , 15 maggio 2014

cecilia

Caro Sedia, Eccellenze, Signore e Signori ,

Sette mesi fa a New York , abbiamo fatto passi importanti nel dialogo ad alto livello delle Nazioni Unite sulla migrazione internazionale e lo sviluppo.

Abbiamo riconosciuto che la mobilità umana è un fattore chiave per lo sviluppo sostenibile .

Abbiamo sottolineato l’importanza di salvaguardare i diritti di tutti i migranti .

Abbiamo discusso le modalità per approfondire l’interazione tra governi e società civile come cerchiamo di rispondere alle sfide e alle opportunità della migrazione internazionale.

In breve , siamo riusciti a impostare un ambizioso programma politico . Ora è il momento di trasformare le buone intenzioni in cambiamenti reali per persone reali .

Credo fermamente il Global Forum è nella posizione migliore per far sì questo accada . Il Forum si è già dimostrato in grado di organizzare una discussione aperta e franca . Si riunisce regolarmente e riunisce tutti i giocatori importanti .

E , naturalmente, la Commissione europea è pronta ad aiutare .

Voglio fare solo 4 punti:

1 . Migrazione e sviluppo

La comunità internazionale si è impegnata a mettere le persone al centro dell’agenda per lo sviluppo post- 2015. Ci sono circa 1 miliardo di persone colpite dalla migrazione , o perché sono migranti o perché dipendono da parenti che sono immigrati.

Per me , la migrazione è il motore non sfruttato per lo sviluppo economico e sociale . E ‘uno dei modi più efficaci per ridurre la povertà . Essa contribuisce allo sviluppo sostenibile e rientra perfettamente nel campo di applicazione del prossimo programma di sviluppo .

Sono quindi estremamente lieta che questo sia stato riconosciuto dal vertice UE -Africa il mese scorso, un chiaro invito per inserire la migrazione nell’agenda 2015  .

L’agenda di sviluppo post -2015 deve creare le condizioni per significative partnership globale in materia di migrazione e mobilità umana. Il nostro Forum dovrebbe trasmettere quel messaggio forte e chiaro !

2 . La parte economica e finanziaria della mobilità umana

Nel corso della storia , i migranti provenienti da tutto il mondo hanno giocato un ruolo nello sviluppo delle nostre economie. La migrazione ha mantenuto la nostra forza lavoro vivace e dinamico .

Nel contesto delle Nazioni Unite , stiamo lavorando su molti aspetti diversi per facilitare la mobilità economica , come la trasferibilità dei diritti , il riconoscimento dei diplomi , assunzioni etiche , la migrazione circolare  ei diritti sociali . Apprezzo molto il lavoro svolto dal Global Forum , Peter Sutherland e il suo team e la GMG . Il dibattito con la società civile fornisce anche importanti intuizioni.

Ma Condivido pienamente la posizione della presidenza svedese che dobbiamo intensificare i nostri sforzi . Credo che dovremmo creare un quadro che riunisce diversi aspetti che sono spesso correlate. Abbiamo bisogno di un quadro di riferimento che ci permette di migliorare il modo in cui strutturiamo il nostro lavoro .

Ecco perché penso che dovremmo considerare la creazione di un’agenda globale per la mobilità economica . Un Global Agenda ci permetterebbe di promuovere la trasparenza movimento operaio internazionale che ci aiuterebbe ad affrontare gli ostacoli burocratici inutili che i migranti devono affrontare , in modo che possano muoversi più facilmente in paesi dove sono necessari , in paesi in cui loro e i loro paesi di accoglienza abbiano entrambi delle opportunità.

L’Impostazione di una agenda globale per la mobilità economica significa che abbiamo bisogno di una visione a lungo termine e che dovremmo sperimentare nuove idee . Nell’Unione europea abbiamo sviluppato alcuni modi pratici per agevolare la circolazione delle persone tra i nostri 28 paesi. Vorrei condividere alcuni esempi , solo come spunto di riflessione .

In primo luogo , abbiamo bisogno di fare un uso migliore delle competenze e delle qualifiche che i migranti nei nostri paesi già hanno. Dobbiamo smettere di sprecare risorse umane e permettere alle persone di fare il miglior uso dei loro talenti. Questo è il motivo per cui serve un sistema di riconoscimento reciproco dei risultati educativi e le competenze acquisite , sulla base di norme comparabili sarebbe utile . Ecco perché abbiamo creato sistemi di credito a livello europeo . Grazie a questi sistemi , i crediti di una persona di università o di formazione professionale possono essere riconosciuti in tutto 28 Stati membri dell’Unione europea .

Ora pensare a un tale sistema a livello mondiale . Pensate ai vantaggi che potrebbe portare per un migrante se potessero avere le loro qualifiche e competenze riconosciute nel paese in cui si muovono , anche se non possono parlare la lingua in un primo momento . Potremmo cominciare a pensare a un quadro comune delle qualifiche internazionali?
Nell’UE stiamo anche lavorando per rendere il processo di applicazione del lavoro più facile .

Per i datori di lavoro in cerca di buoni candidati , ottenere CV è spesso il primo passo . Ma diversi formati rendono difficile il confronto dei curricula provenienti da diversi paesi .

Ecco perché abbiamo creato il CV Europass . Organizza le informazioni in modo sistematico , insieme con il passaporto europeo delle competenze . Con l’utilizzo di questa ‘ cartella online’ , le persone possono caricare i file come i diplomi. Il sistema consente ai cittadini europei di compilare un quadro trasparente delle loro competenze e qualifiche .

Chi è in cerca di lavoro puo’ migliorare le possibilità di trovare il lavoro giusto o di formazione , mentre i datori di lavoro trovano più facile identificare i candidati con le giuste qualifiche .

So che può sembrare ambizioso , ma abbiamo potuto lavorare verso un sistema simile a livello mondiale ? Possiamo immaginare un passaporto universale Skills ?

Sono certo che , in stretta cooperazione con gli Stati , le imprese e le agenzie per l’impiego queste idee potrebbero essere ulteriormente analizzati .

3 . Tagliare i costi

Il terzo punto si occupa di tagliare i costi della mobilità e in particolare sui visti .

Oggi , troppi potenziali studenti , ricercatori e visitatori , sia dal sviluppati e in via di sviluppo , sono scoraggiati dal cogliere opportunità all’estero a causa di ostacoli amministrativi e dei costi di ottenere un visto .

Tali ostacoli non hanno posto nella organizzazione della mobilità umana del 21 ° secolo .

Ove possibile , abbiamo bisogno di abbattere le barriere che limitano lo sviluppo delle persone , che limitano lo sviluppo dei paesi . Ecco perché, come commissario europeo , l’abolizione dei visti di breve durata è una delle mie priorità .

Negli ultimi anni , abbiamo fatto importanti progressi e rimosso l’obbligo del visto per i diversi paesi a breve termine. Ma , anche qui , dobbiamo essere molto più ambiziosi .

Ecco perché, il 1 ° aprile , ho proposto l’accelerazione e la semplificazione delle procedure per le persone che vogliono entrare nell’UE . I cambiamenti significheranno richiedenti non dovranno passare attraverso ingombranti , costose procedure più e più volte . In termini pratici, la Commissione propone di rilasciare il visto multi- ingresso con validità fino a 5 anni per le persone che viaggiano nell’UE regolarmente. Bisognerà anche ridurre il numero di documenti che devono essere fornite e i richiedenti riceveranno una decisione veloce .

Propongo anche una maggiore flessibilità per abolire diritti per i visti complessivamente per alcune categorie di persone , come i minori e gli studenti . E ho proposto di fare più uso delle moderne tecnologie in modo che le applicazioni possono essere effettuate online .

Sono convinto queste proposte faranno molto per aprire nuove possibilità per coloro che vogliono venire in Europa , sapendo che molti paesi in via di sviluppo sono ancora nella lista dei visti .

4 . Rimesse

Quando si tagliano i costi , anche noi dobbiamo prestare attenzione alle rimesse .

A New York , abbiamo concordato che più deve essere fatto per rendere il trasferimento più economico , più rapido e più sicuro ad entrambe le estremità di ogni transazione . Grazie agli sforzi internazionali , il costo di fare rimesse è andato giù , ma anche qui dobbiamo fare meglio .
Le Tasse per i trasferimenti , in particolare in Africa , sono ancora troppo elevate – una media di circa il 12 per cento . Ci sono rapporti che dicono che le aziende guadagnano milioni di utili EURO sui trasferimenti delle rimesse . Se questo è vero , c’è qualcosa di molto sbagliato nel sistema .

Quindi cerchiamo di lavorare insieme per abbattere quelle spese. Facciamo promuovere cambiamenti significativi – di regolamenti bancari , nelle pratiche degli operatori di money transfer e negli approcci alle nuove tecnologie .

La Commissione , in stretta collaborazione con l’Unione Africana , la Banca Mondiale , l’ African Development e l’OIM hanno raggiunto un accordo sulla creazione dell’Istituto africano per le rimesse , il primo del suo genere al mondo . Questo ha un grande potenziale in termini di sfruttamento delle risorse della diaspora per lo sviluppo sociale ed economico in Africa.

È stata presa la decisione di creare l’istituto . Sarà ospitato in Kenya e dovrebbe essere pienamente operativo nel 2015 .

5 . Diritti dei migranti

A New York , abbiamo sottolineato la necessità di rispettare e promuovere le norme internazionali del lavoro  e di rispettare i diritti dei migranti nei loro luoghi di lavoro .

Ratifica della Convenzione sui lavoratori domestici . La Commissione esorta gli Stati membri dell’UE a ratificare questo strumento il più presto possibile . Alcuni lo hanno già fatto e lasciatemi usare questa occasione per incoraggiare gli altri a seguirne l’esempio . Spero che tutti avranno ratificato tale Convenzione entro il 2015 .

Sono lieto che l’Unione europea ha compiuto progressi in materia di tutela dei diritti dei migranti e in particolare dei lavoratori stagionali . I lavoratori stagionali danno un importante contributo per l’economia europea . Eppure , troppo spesso , si trovano in situazioni vulnerabili , esposti allo sfruttamento .

Ho lavorato duramente per migliorare il loro status e la legislazione importante è stata adottata nel mese di febbraio. La direttiva per i lavoratori stagionali » prevede ora per le condizioni di ingresso e soggiorno comuni e i migranti stagionali potranno godere di un più elevato livello di protezione in tutta l’Unione europea .

6 . Considerazioni conclusive

Signore e Signori , lasciatemi concludere .

Vorrei ringraziare la Presidenza svedese di questo Forum per la tua energia , fantasia e dedizione . Lascia che ti auguri , Eva , buona fortuna nel guidarci attraverso il nostro lavoro , conoscendo la tua passione, quando si tratta di questo problema .

Cerchiamo di lavorare insieme per realizzare il potenziale di migrazione come motore di sviluppo .

Cerchiamo di intensificare i nostri sforzi e aiutare i migranti a fare la loro parte per arricchire le nostre società e contribuire alle nostre economie .

Auguro a tutti voi una seduta più costruttiva del Forum .

DOCUMENTO ORIGINALE QUI >>



   

 

 

1 Commento per “UE, Malmström: Liberare il potenziale dell’immigrazione per lo sviluppo inclusivo”

  1. La capa dei disgraziati , una vera zoccola.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -