Complotto contro Berlusconi, Fini: nessun colpo di Stato, ma appurare la verità

fini

 

13 mag 2014 – ”Nel 2011 Berlusconi si dimise perche’ l’Italia rischiava il fallimento, con conseguenze devastanti per tutta l’Unione Europea. Il nostro governo era giudicato anche in sede internazionale incapace di salvarci dalla bancarotta ed era diffuso l’auspicio di un nuovo esecutivo. Non ci fu nessun colpo di Stato, ma cio’ non toglie che le rivelazioni dell’ex Ministro del Tesoro statunitense Geithner non siano oggettivamente gravi ed inquietanti”.

E’ quanto dichiara in una nota Gianfranco Fini. ”Il rilevante ruolo istituzionale che questi ricopriva all’epoca e le vicende descritte nel suo libro impongono al nostro governo di chiedere sollecitamente al vertice dell’amministrazione USA di fare chiarezza. Ne hanno diritto tutti gli italiani, coloro che all’epoca sostenevano Berlusconi, al pari di quanti gli si opponevano a viso aperto. Spero che il Presidente Renzi sia consapevole che, al di la’ delle polemiche della politica domestica, non ci possono essere divisioni nell’appurare la verita’ su fatti che, per quanto presunti, riguardano la nostra sovranita’ e dignita’ nazionale”, conclude Fini



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -