Gli “invisibili” aerei USA F-35 si vedono benissimo sui radar cinesi

Aereo invisibile F-35, l’ultimo messo a punto dai costruttori americani, non è diventato “invisibile” per i radar cinesi. Le stazioni radar installate su nuovi cacciatorpedinieri cinesi con il percento di probabilità identificano questa costosa novità a distanza di 350 chilometri. Ciò è stato riconosciuto da fonti americane e britanniche.

f35

10 magg – Il progetto è costato al Pentagono circa 2 miliardi di dollari. Non si sa quanto ha investito la Cina per schiacciare questa noce. Intanto il Vladimir Evseev, direttore del Centro degli studi socio-politiche è convinto – i militari cinesi hanno imparato a utilizzare la banda più larga della sorveglianza radioelettronica di un oggetto rispetto a ciò che ipotizzavano gli americani. E’ un evidente passo in avanti della Cina, ne è convinto l’esperto:

In Cina ci sono stati problemi molto seri con le stazioni radar. In particolare tuttora non ha il sistema di avvistamento di attacco missilistico. Tra l’altro anche perché la Cina non ha un analogo della stazione russa “Voronezh”. Questo compito può essere risolto soltanto con l’aiuto della Russia. E il fatto stesso che la Cina ha imparato bene a vedere “stealth” F-35 attesta che alcuni problemi in questo campo sono nella fase di soluzione. Cioè la Cina sta cercando di creare il campo radar completo. In ogni caso ciò attesta che la Cina si occupa seriamente delle questioni di sorveglianza radioelettronica.

L’avvistamento del F-35 – non è uno sfondamento della Cina, ma piuttosto la capacità di stare al passo con i tempi con le conquiste mondiali nel campo militare, ritiene l’ufficiale della Marina militare in congedo Konstantin Sivkov, vice-presidente dell’Accademia dei problemi geopolitici:

E’ un normale movimento in avanti della Cina che installa sui suoi nuovi cacciatorpedinieri stazioni radar con la griglia di antenne a schiera fasata. Queste stazioni di avvistamento di “stealth” sono installate sui cacciatorpedinieri russi, in particolare sul grande vascello antisommergibile “Admiral Kuznetsov”. Gli americani stanno impiegando stazioni radar simili già da mezzo secolo. Ossia ciò non rappresenta uno sfondamento tecnologico della Cina. E’ semplicemente che i cinesi hanno imparato a utilizzare le bande a bassa frequenza per assicurare l’avvistamento dell’aereo tipo “stealth”. Più naturalmente la disponibilità delle tecnologie moderne che assicurano anche un buon avvistamento puntiforme dei bersagli da colpire.

Avvistare “stealth” con l’aiuto di un radar – è soltanto metà del successo, fa notare Pavel Zolotarev, vice-direttore dell’Istituto degli USA e del Canada dell’Accademia Russa delle Scienze:

Qualsiasi aereo invisibile certamente non può essere invisibile al 100 percento. Esso obbligatoriamente riflette qualcosa. Un’altra cosa è che bisogna avere una base sperimentale moderna per individuare queste caratteristiche. E perché le apparecchiature, in base a questi dati sperimentali, individuino abbastanza bene il tipo d’oggetto. Evidentemente la Cina ci è riuscita. Tuttavia ciò non esercita un impatto diretto del rapporto delle forze delle parti. Il fatto che sono riusciti a individuare “stealth” – è meraviglioso. Non si sa ancora però come funzionano le stazioni radar cinesi quando contro di esse si utilizzano i mezzi di soppressione radioelettronica dallo stesso aereo invisibile F-35. La capacità di superare barriere elettroniche appositamente costituite da un ipotetico avversario è una parte importante di una battaglia moderna.

Pavel Zolotarev ha citato il recente esempio del sorvolo di un cacciabombardiere russo disarmato Su-24 di un cacciatorpediniere americano nel Mar Nero. Il caccia russo ha portato sulle ali un impianto che è stato capace di “accecare” il sistema americano “Aegis”. Di conseguenza Su-24 ha messo in stato di shock l’equipaggio del cacciatorpediniere americano, il quale non ha potuto opporre alcuna resistenza ai plurimi sorvoli a quota criticamente bassa.

VocedellaRussia



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -