Vergognati Italia! Mare Nostrum: da gennaio ancora niente indennità al personale sulle navi

immigrati_marina

9 magg – Nove milioni al mese per l’operazione della Marina Militare. “I nostri militari professionisti, che lavorano con senso del dovere nei confronti della nostra Repubblica e rispetto della vita umana, non hanno ricevuto gli emolumenti previsti dall’inizio del 2014”, spiegano fonti del Cocer Marina all’Adnkronos.

“Il ministro della difesa Roberta Pinotti – proseguono dal Cocer – parlando delle attività svolte nell’ambito di Mare Nostrum ha dichiarato che l’operazione costa circa 9,3 milioni al mese, di cui sette per il funzionamento dei mezzi, il resto per le indennità del personale. Ad oggi, il nostro personale imbarcato ancora non ha visto niente”.

Ecco perché, il Cocer Marina, ha approvato una delibera per il ‘pagamento del Compenso Forfettario d’impiego’, sottolineando come “il ritardo con cui viene corrisposto quanto maturato determina preoccupazione nel personale, oltre che una sensazione di mancata attenzione dei sacrifici a cui quotidianamente sono sottoposti”.

Il Cocer, quindi, nella delibera chiede alle istituzioni “di intervenire, con l’urgenza che il caso richiede, al fine di sbloccare i pagamenti dei compensi gia’ maturati in modo da consentire la corresponsione con il primo cedolino utile, autorizzando il pagamento nei limiti di sostenibilita’ finanziaria, almeno per il primo bimestre dell’anno e prospettato allo Stato Maggiore della Difesa la definizione della prima tranche di assegnazione”. adnkronos



   

 

 

2 Commenti per “Vergognati Italia! Mare Nostrum: da gennaio ancora niente indennità al personale sulle navi”

  1. Francesco RINI

    Sono d’accordo con il COCER MARINA. Il personale imbarcato NON deve pagare per gli altri, sono dei professionisti che lavorano BENE e in SILENZIO. Quello che gli è dovuto bisogna darlo ogni mese in busta paga/stipendio. I nostri Superiori della Marina, si facciano sentire di tanto in tanto. I soldi per i nostri MARINAI si devono trovare.

  2. Tutti parlano dei militari come coloro che sono dei privileggiati ma, nessuno o quasi, riesce a capire che sulle navi ci sono tanti genitori che si trovano lontano dai propri affetti e dai propri cari per lungo tempo, si parte per un mese e poi….si sposta il rientro, prima di 15 giorni, poi di altri 15 e così via. Loro, i nostri marinai eseguono, dimostrano professionalità ma, chi dovrebbe tutelarli pensa solo alle loro amicizie (vds tanti politici indagati e condannati per furto, concussione, peculato ecc. eec.). Spero che i vertici della Marina Militare facciano sentire la loro voce. Ad Maiora sempre cari marinai.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -