Crescono gli euroscettici, larghe intese in UE per combatterli

le-pen-wilders

 

9 mag 2014 – Fra due settimane oltre 400 milioni di cittadini europei saranno chiamati alle urne per il rinnovo del parlamento Ue. Elezioni che sono fortemente minacciate, secondo gli ultimi sondaggi, da una crescente ondata di scetticismo nei confronti delle istituzioni europee. Tutti i sondaggi concordano: la destra otterra’ un centinaio di deputati sui 751 che compongono l’Assemblea di Strasburgo. Gli ultranazionalisti dovrebbero essere in grado di costituire un gruppo attorno al Fronte Nazionale francese e al PVV olandese, che potrebbero entrambi risultare le liste piu’ votate nei loro paesi, oltre ai britannici dell’Ukip.

Destra a parte, il fronte dei partiti che criticano l’Unione Europea si allarga agli euroscettici dell’AFD in Germania, al Movimento Cinque Stelle italiano e alla sinistra di Alexei Tsipras ed e’ previsto anche un calo di partecipazione, negli ultimi cinque anni scesa a un livello record del 43%.

”Questa ascesa del populismo puo’ essere spiegata con l’assenza di una risposta politica soddisfacente alla globalizzazione, dopo anni di crisi, di austerita’ e disoccupazione di massa”, ha spiegato Jean-Dominique Giuliani, presidente della fondazione Robert Schuman. ”Si tratta allo stesso tempo di un voto di protesta, anti elite, anti Europa.

Nel prossimo Parlamento ci sara’ un arcobaleno di euroscettici di colori diversi”, spiega Nathalie Brack, del Centro studi politici dell’Universita’ di Bruxelles. Anche se avranno a disposizione piu’ mezzi per far sentire la propria voce, gli euroscettici resteranno comunque minoritari, spingendo la destra moderata e i socialisti a nuove larghe intese. Secondo l’ultimo sondaggio di PollWatch, che mette insieme una decina di sondaggi nazionali, i popolari del PPE perderanno circa sessanta seggi, ma conserveranno un leggero vantaggio nei confronti dei socialisti, con 216 deputati contro 205. (fonte AFP)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -