Vietata al Senato la lettura del testo porno-gay letto a scuola da ragazzi di ginnasio

SENATO

 

8 magg – «Onorevole senatore (…) devo comunicarle che il documento in oggetto non corrisponde pienamente ai requisiti di proponibilità degli atti del sindacato ispettivo parlamentare, così come specificati nell’articolo 146 del regolamento del Senato. Mi corre pertanto l’obbligo di segnalarle la necessità di apportare modifiche al testo della sua interrogazione, nel senso già comunicato per le vie brevi dagli uffici, in modo da renderne possibile l’annuncio e la pubblicazione nei resoconti del Senato».
Questo è il testo – qui potete scaricare scaricare il pdf – con cui la presidenza del Senato ha spiegato al senatore Carlo Giovanardi (Ncd) di non poter presentare in aula i passaggi che descrivono il rapporto omosessuale orale contenuti nel libro Sei come sei di Melania Mazzucco.

Lettura di romanzo gay osceno al Liceo Giulio Cesare di Roma

TOLTI I BRANI OSCENI. Giovanardi, assieme al collega Maurizio Sacconi, spiega così in una nota che «la presidenza del Senato ha rifiutato la pubblicazione dell’interrogazione da me presentata. Nell’interrogazione infatti erano illustrati i brani crudemente e volgarmente pornografici del romanzo, che evidentemente si possono imporre agli studenti ma non essere letti neppure dai Senatori sulle pubblicazioni ufficiali del Senato. Abbiamo pertanto riformulato l’interrogazione – aggiunge Giovanardi – tagliando i brani osceni, nell’attesa fiduciosa che il ministro della Pubblica Istruzione, che aveva dichiarato essere “assolutamente corretto” il comportamento tenuto dagli insegnanti del Giulio Cesare, ci spieghi come nella scuola pubblica possano essere proposti ai ragazzi testi totalmente osceni da non poter comparire neppure nelle interrogazioni parlamentari».

IL MINISTRO GIANNINI (Lettura porno-gay a scuola, il ministro Giannini difende gli insegnanti). Il caso, come si ricorderà, nasce dal fatto che nel liceo romano era stata proposta la lettura del romanzo e, a seguito di una discussione in classe, gli studenti avevano dovuto produrre un elaborato scritto (in cui era stato tirato in mezzo anche papa Francesco). In seguito alla denuncia di alcuni genitori, era scoppiato il caso. Gli insegnanti erano stati difesi, oltre che dalla preside del Liceo, anche dal ministro dell’Istruzione Stefania Giannini. La stessa Giannini, però, aveva ammesso di non aver letto il romanzo e, durante una trasmissione radiofonica, si era rifiutata di leggere il brano incriminato. Resta dunque valida la domanda di Giovanardi: perché un testo la cui lettura è ritenuta sconveniente per senatori e ministri maggiorenni è stato proposto a dei minorenni?

 Tempi.it

Questo il brano incriminato (e non si capisce che cosa abbia a che fare tale illuminante lettura con il presunto bullismo omofobo, né perchè debba essere tollerata a scuola la pornografia gay)

“.. Nessuno avrebbe mai sospettato che quel muscoloso, ruvido, stopper la notte si stancava la mano sulle foto di Jimi Hendrix, Valerij Borzov e Cassius Clay. Pure, benchè sapesse che Mariani Andrea non soltanto lo avrebbe respinto ma anche tradito e sputtanato, un pomeriggio, quando dopo la partita indugiò nello spogliatoio e si ritrovò solo con lui, Giose decise di agire – indifferente alle conseguenze.

Si inginocchiò, fingendo di cercare l’accappatoio nel borsone, e poi, con un guizzo fulmineo, con una disinvoltura di cui non si immaginava capace, ficcò la testa fra le gambe di Mariani e si infilò l’uccello in bocca. Aveva un odore penetrante di urina, e un sapore dolce.

Invece di dargli un pugno in testa, Mariani lasciò fare. Giose lo inghiottì fino all’ultima goccia e sentì il suo sapore in gola per giorni. Il fatto si ripetè altre due volte, innalzandolo a livelli di beatitudine inaudita…



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -