Usa, Sciopero nei fast food di tutto il mondo per salari più alti

Minimum Wage Workers Demonstrate For Better Living Wage8 magg – Negli Stati Uniti, i dipendenti dei fast food manifestano da un anno e mezzo per avere salari dignitosi. Ora, la protesta si allarga a livello internazionale: il 15 maggio è in programma uno sciopero dei lavoratori delle catene più importanti in più di trenta Paesi.

Riuniti per la prima volta in un unico sindacato internazionale, l’International Union of Food, Agricultural, Hotel, Restaurant, Catering, Tobacco and Allied Workers’ Associations (Uita), i dipendenti dei fast food si sono accordati per lanciare il loro movimento con una giornata di protesta in 150 città americane e in altri 33 Paesi, tra cui Giappone, Brasile, Marocco e Italia. Ad annunciarlo sono stati i responsabili del movimento, riuniti a New York.

“I lavoratori di decine di Paesi in tutti i continenti hanno annunciato l’ingresso nel movimento per salari più alti e migliori condizioni di lavoro nei ristoranti come McDonald’s, Burger King, Wendy’s e Kfc” hanno reso noto gli organizzatori del movimento in un comunicato. Un gruppo di 70 manifestanti di diversi Paesi si è riunito davanti a un ristorante di McDonald’s, ieri a Manhattan, in occasione dell’annuncio.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -