Università Luiss, intervento vietato a giornalista non “allineata” a teoria gender

gay

 

7 magg – “L’università Luiss, come si apprende dal quotidiano online La Nuova Bussola Quotidiana e dalle colonne di Libero di oggi, si è resa protagonista ieri di un gravissimo episodio discriminatorio nei confronti della scrittrice e blogger Costanza Miriano, la quale, su invito di una delle rappresentanze studentesche, avrebbe dovuto svolgere un intervento sul tema della famiglia e della secolarizzazione alla presenza, inoltre, di Mons. Vincenzo Paglia. Benché l’invito risalga a febbraio e la macchina organizzativa abbia funzionato regolarmente, tant’è che l’evento è stato pubblicizzato con il dovuto anticipo sul sito dell’università, improvvisamente l’invito è stato revocato e l’incontro annullato”.

Cosa è accaduto? Ce lo spiega l’occidentale

“Nel pomeriggio del 5 maggio, ad appena un giorno dalla conferenza, Costanza Miriano riceve una mail di scuse che la informa dell’annullamento dell’evento per ‘un problema organizzativo e uno interno concernente gli equilibri delle diverse associazioni studentesche’. In realtà, si scoprirà che contro la partecipazione della Miriano è stato posto un vero e proprio veto da parte dell’associazione studentesca Luiss Arcobaleno, il cui scopo statutario, si legge nella pagina dell’università dedicata alle attività gestite dagli studenti, è quello di ‘promuovere la lotta contro l’omofobia e le discriminazioni sessuali’”.

Viene da chiedersi cosa c’entri la questione dell’omofobia con la presenza di Costanza Miriano alla Luiss e il dibattito sul tema della famiglia. La spiegazione è che l’annullamento dell’incontro sia dipeso da una insensata quanto vile forma di pregiudizio nei confronti della Miriano, tracimata in una vera e propria censura preventiva che tradisce l’essenza e la tradizione di un ateneo prestigioso e autorevole quale è la Luiss. A Costanza Miriano è stato impedito di parlare perché la sua è una voce libera, non omologata al pensiero unico monopolizzato dall’ideologia gender, che parla attraverso scritti e libri seguitissimi di un modello di famiglia basato sull’unione, e l’amore, tra un uomo e una donna”.

“Evidentemente i modelli difesi dalla Miriano disturbano quanti, invece, tentano di imporre al Paese l’ideologia Glbt e i modelli esistenziali, familiari, antropologici che questa propugna. Quanto accaduto solleva interrogativi inquietanti, specie se si considera che diversamente da Costanza Miriano, sottoposta a censura, i libri (porno-gay, ndr)  di Melania Mazzucco – Lettura di romanzo gay osceno al Liceo Giulio Cesare di Roma. Parte la denuncia, ndr  –  che propongono invece modelli ‘inneggianti’ all’omosessualismo sono adottati nei licei. Per tali ragioni rivolgeremo a breve al ministro dell’Istruzione Stefania Giannini un’apposita interrogazione”. Ad affermarlo il deputato del Nuovo Centrodestra Alessandro Pagano.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -