Siria, jihadisti si ammazzano tra loro: lotta a ultimo sangue, 74 morti

alNusra

 

5 mag. – Nonostante l’appello alla tregua del capo di al Qaeda, l’egiziano Ayaman al Zawahiri, per la gioia di Bashar Assad, e’ lotta all’ultimo sangue tra le due formazione jihadisti piu’ attive in Siria: il fronte al Nusra, (legittimato da al Qaeda) e lo ‘Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (Isil), ‘scomunicato’ dal successore di Osama bin Laden, che ha ordinato al gruppo di ritirarsi in Iraq.

Nelle ultime 24 ore si contano 74 morti di cui 5 civili presi nel fuoco incrociato tra le due fazioni. Cuore della faida tra le due formazioni jihadiste e sunnite il ricco centro petrolifero di Deir Ezzor da cui 60.000 abitanti sono scappati Al-Nusra ha preso il controllo del villaggio di Al-Sabha, al confine con l’Iraq, dove ha perso 11 dei suoi combattenti mentre Isil (la stessa organizzazione sanguinaria che ha rapito il 27 luglio 2012 a Raqqa il gesuita Paolo Dall’Oglio) ha avuto 23 morti.

In altri villaggi della provincia sono stai uccisi 35 qaedisti di al-Nusra Dall’inizio degli scontri a Deir Ezzor, la scorsa settimana il bilancio complessivo e’ di 150 morti. Dall’inizio dell’anno al Nusra, con la benedizione di al Zawahiri, si e’ unita ad altri gruppi piu’ moderati, contro Isil, composta in maggioranza da non siriani, macchiatasi di eccessi non solo contro le truppe di Assad ma anche contro i civili. agi



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -