Parma, maxi rissa tra immigrati: cassonetti sulle auto, calci, pugni e lanci di bottiglie

Maxi rissa in piazzale della Pace: i rivali si affrontano con calci, pugni e lanci di bottiglie. Nel frattempo il sindaco Pizzarotti (Pd/Sel a 5 stelle) consegna la cittadinanza ad honorem a 131 figli di stranieri e pensa di costruire una moschea a Parma

pizzarotti_parma

1 magg – Maxi rissa sabato sera in piazzale della Pace, poco dopo le 21.45.  Calci, pugni, botte e lanci di bottiglie tra due ‘fazioni’ rivali che hanno utilizzato il piazzale come ring, mettendo a rischio la sicurezza dei cittadini che passeggiavano in zona, anche perchè a quell’ora la piazza è frequentata da molte persone.

“Ennesimo caso di brutalità in Piazzale della Pace nel perimetro del monumento a Verdi -si legge in una nota di Fabrizio Pallini dell’Associazione I Nostri Borghi. Continua la sequenza quasi infinita di violenze nelle strade che contornano questa piazza .Luoghi un tempo di nobiltà in cui erano i Farnese a scandire il ritmo del tempo. Oggi invece i tempi sono quelli dei pusher, dei consumatori di droghe, di violenti più o meno pericolosi, e il regno è loro incontrastato. Nel mentre sta terminando la raccolta di firme per la petizione promossa dalla nostra associazione per fermare degrado e violenza in piazzale della Pace e via Garibaldi ,un ulteriore grave fatto di violenza, ha sconvolto, e per l’ennesima volta, la tranquillità della zona.

Parma, Pizzarotti: una nuova moschea in città è legittima aspirazione

Parma: Pizzarotti spende 172mila euro in uffici per nomadi e immigrati

“Sabato intorno alle 21 e 45 -prosegue la nota- una tranquilla serata di fine aprile, si è trasformato in un incubo, un ring insanguinato dove arbitri inconsapevoli alcuni inermi cittadini che si trovavano casualmente a passare sul prato verde che contorna il monumento a Verdi. Attimi di paura e di terrore per i presenti: urla, grida, pugni,calci, botte e lancio di bottiglie. I contendenti magrebini ed extracomunitari di colore. Le loro violenze sono partite dal monumento dedicato al cigno di Busseto scatenando il finimondo fino a piazzale Bodoni e via Verdi, davanti allo Stendal.

buffone1

Cassonetti divelti e buttati sulle autovetture parcheggiate nella zona, bottiglie scagliate contro tutto e tutti, non curanti degli innocenti passanti che terribilmente spaventati si davano alla fuga per non essere coinvolti. Dopo minuti che sono sembrati interminabili per i presenti ,all’arrivo di due pattuglie delle forze dell’ordine, c’è stato il fuggi fuggi generale. Solo la casualità ha voluto che non succedesse nulla di irreparabile per gli ignari presenti. Il nostro saluto al nuovo questore era stato un saluto di grande speranza ed attenzione , ma anche di avvertimento. Ora c’è invece incredulità e delusione per quello che ancora non si è fatto per porre fine a queste continue ed insensate violenze. Alla luce di questi fatti ci corre l’obbligo di lanciare un nuovo grido di allarme e di dolore nei confronti dei responsabili delle forze dell’ordine che hanno il dovere di tutelare la sicurezza dei cittadini”.

“Lo scenario -sottolinea Pallini- sta diventando quello di una città metropolitana degradata, abbandonata al suo buio perenne, con le ombre a recitare la parte dei protagonisti.. Il centro storico che dovrebbe essere il cuore pulsante ed il punto di riferimento di vita per tutta la città ,sta diventando un terreno privilegiato per delinquenti , persone senza scrupolo e spacciatori. Uno spazio sottratto ai parmigiani e alla vita pubblica di Parma.

Arrendersi ora sarebbe facile,ma dopo anni di lotte in questo campo non possiamo certamente abdicare alla violenza, al sopruso e alla delinquenza in genere. Chiediamo con forza al questore al prefetto e al sindaco, di mettere alla prima pagina della loro agenda di lavoro, i giusti correttivi e i doverosi interventi per zone così calde e delicate della città. Il campanello di allarme dell’Associazione I Nostri Borghi suona ormai da anni ininterrottamente. Il suo lamento deve far pensare, far riflettere e soprattutto agire. Questa violenza i cittadini di Parma non la possono davvero più accettare!”

.parmatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -