Svendita dell’Italia, Renzi incontra gli squali di Wall Street

renzi

 

30 apr – Il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha incontrato Laurence D. Fink detto Larry, presidente e Ceo di Blackrock, la piu’ grande societa’ di gestione del mondo per masse gestite, uno degli uomini piu’ importanti di Wall Street.

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha incontrato Laurence D. Fink detto Larry, presidente e Ceo di Blackrock, la piu’ grande societa’ di gestione del mondo per masse gestite, uno degli uomini piu’ importanti di Wall Street. L’incontro e’ avvenuto domenica sera. E’ quanto ha riferito a margine dell’assemblea delle Generali a Trieste il presidente della compagnia Gabriele Galateri, che lunedi’ ha partecipato ad un pranzo con Fink nella sede della Borsa di Milano.

A raccontare dell’incontro ai commensali e’ stato lo stesso Fink, che ha fatto “commenti positivi” dopo il rendez vous con il premier

Wall Street Journal: Renzi, stella nascente della politica italiana

Ci sono importanti ricapitalizzazioni in vista per il comparto bancario italiano, tra Bpm, Carige e Mps, ma per BlackRock, i cui vertici sono a Milano in questi giorni in occasione del ‘Global leadership summit’, potrebbe essere giunto il momento di lasciare il comparto bancario e investire nel settore industriale italiano e nelle pmi.

Stanno per mangiarsi le nostre banche per tamponare la maxi-falla di Wall Street

“E’ possibile che ora si dedichi a questo segmento”, ritiene Micheal Hewson, chief market analyst di Cmc Market, ritenendo “significativo” che il colosso dell’asset management, che ha in gestione asset per circa 4.300 mld di dollari, abbia ridotto la sua partecipazione in Mps da 5,7% a 3,2% proprio in vista di una accresciuta ricapitalizzazione, da 3 a 5 miliardi di euro.

BlackRock si compra Piazza Affari. Siamo sicuri che sia un bene?

Ed è così che BlackRock  si è comprato una buona parte di Piazza Affari. E continua, come dimostra la vicenda Telecom, ad acquistare. Le partecipazioni più rilevanti sono oggi in Azimut (5%), Atlantia (5,02%), Prysmian (intorno al 5%) e Ubi (4,94%). Ma con quote inferiori, BlackRock è presente ovunque.

Elefante nella cristalleria
Il problema è che a volte questo gigante ha attirato i riflettori delle Autorità per comportamenti quantomeno curiosi. Il caso più clamoroso è quello di Saipem: a fine gennaio, poco prima che la società del gruppo Eni lanciasse un allarme utili tale da causare un crollo del titolo in Borsa del 34%, BlackRock è riuscita a vendere un pacchetto di azioni Saipem pari al 2,3% del capitale. Con un tempismo incredibile, il fondo americano ha risparmiato 100 milioni di euro di perdite. Facendo sorgere più di un sospetto: clamorosa fortuna o clamoroso insider trading? La risposta arriverà dall’indagine Consob, che ormai è alle battute finali.

Debito pubblico: un piano preciso per regalare l’Italia ai falsari di Wall Street

Non è stato un incidente, ma un piano: solo così, disabilitando la funzione pubblica dello Stato sovrano – emissione di moneta per sostenere la spesa pubblica – sarebbe stato possibile privatizzare completamente la finanza e l’economia, e regalare profitti stellari ai “Masters of Universe”, i falsari di Wall Street che convocarono Mario Draghi sul Britannia per progettare la grande rapina che poi l’opinione pubblica avrebbe chiamato crisi economica, crisi finanziaria, crisi dell’Eurozona.

 



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -